Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

23 Aprile 2014 | Attualità

Putin mette il cappio al web russo

Nuova stretta ai controlli sulla rete internet in Russia. Diversi servizi, tra cui servizi di posta elettronica stranieri, Skype e altre chat, rischiano di essere bloccati dai filtri voluti dal Cremlino se si rifiuteranno di raccogliere i loro dati su server all’interno della Federazione. I siti o i servizi web che desiderano essere attivi in Russia devono usufruire di server stanziati nel Paese : lo stabilisce la nuova legge anti-terrorismo approvata in via definitiva dal Parlamento di Mosca il 22 aprile. “Le società straniere di servizi internet non ricadono sotto la giurisdizione russa – ha spiegato il presidente dell’Ordine degli avvocati di Mosca -. Pertanto, l’unico modo per controllarle è bloccare l’accesso ai loro servizi su tutto il territorio”.  Anche i blogger sono interessati dalla normativa: il documento equipara di fatto i blog con almeno 3mila utenti giornalieri ai mass media , facendoli così rientrare nel registro speciale che organizza e definisce gli obblighi dei grandi mezzi d’informazione, che devono preservare la privacy dei cittadini, evitare pubblicazioni a carattere estremista, registrare i dati aziendali e i messaggi degli utenti sui server nazionali, rendendoli disponibili alla bisogna. Difficile pensare che Google, Facebook o Microsoft vogliano perdere in toto il prezioso mercato russo , ma sarà quasi impossibile trovare un compromesso tra le attuali tutele garantite (in teoria) agli utenti di mezzo mondo e l’invasiva regolamentazione voluta da Putin.

Guarda anche:

Fast Heroes la campagna mondiale sui sintomi dell’ictus al via anche in Italia

Fast Heroes è una campagna didattica internazionale rivolta alle scuole primarie, che ha lo scopo di aumentare la conoscenza dei sintomi dell'ictus e la consapevolezza dell'importanza di un'azione...
Giorgia Meloni

Inchiesta Fanpage.it: pubblicati i due video. Al via anche gli interrogatori

Inchiesta Fanpage.it. Al centro dell’indagine l’Europarlamentare Carlo Fidanza, capo delegazione di Fratelli d’Italia a Bruxelles e l’attivista Roberto Jonghi Lavarini. Pubblicati due video che sono...

Protesta No green pass, violenze in centro a Roma. Circa 10 mila persone in piazza.

La capitale ha vissuto ore di scontri e violenze lo scorso sabato 9 ottobre, culminate nell'assalto alla sede nazionale della Cgil, presa d'assalto da alcuni manifestanti che sono entrati nei...