Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

23 Giugno 2014 | Economia

Raee, un tesoro nascosto da 15 miliardi

Oro, argento e rame a tonnellate: ecco la miniera sepolta in milioni di rifiuti elettronici che arrivano nelle discariche italiane ed europee. Per l’Enea, che si occupa di monitorare il settore, il valore ipotetico di questi materiali (di scarto) in tutta Europa sarebbe di circa 15 miliardi di euro l’anno. Buona parte di questi prodotti finisce fuso insieme al resto degli scarti in plastica, ma con un accurato sistema di smaltimento e riciclaggio ci sarebbero i margini per un recupero di oro e argento multi miliardario. Sino a oggi, solo il 15% delle 320 tonnellate d’oro viene salvato dal macero (per un totale di 2,5 miliardi di euro) , mentre delle 7.200 tonnellate di argento se ne salva circa il 20%. L’intenzione sarebbe quella di elevare il recupero complessivo tra il 33% e l’80%, garantendo un tesoretto ai diversi Paesi dell’Unione. Il processo, però, è più complicato di quel che si potrebbe pensare: servono discariche e personale adatto, oltre a un più attento smaltimento da parte degli utenti . I dati forniti da Enea e Onu, però, hanno catturato l’attenzione dei più. E non potrebbe essere altrimenti: i Raee (così si chiamano i rifiuti tecnologici), oltre ai metalli più pregiati ne contengono molti altri normalmente importati a caro prezzo dall’Ue, che potrebbe quanto meno riutilizzarli.  ” Il recupero di metalli preziosi è un settore dal grande potenziale economico – ribadisce l’Enea  -. Ogni anno si producono nel mondo dai 20 ai 50 milioni di tonnellate di rifiuti hi‐tech”. In cui si cela una montagna preziosa di euro.

Guarda anche:

Ue, primo sì al Prosek. Italia unita nella protesta

La Commissione Europea dà il via libera la domanda della Croazia per il riconoscimento di indicazione geografica protetta del vino croato. Forti contestazioni da più parti in difesa del Prosecco...
spaghetti

Il Made in Italy vola in tavola all’estero, ma il miele soffre

L’Italia raggiunge l’autosufficienza alimentare con un export a +12% che supera le importazioni, secondo dati Coldiretti presentati a Cibus 2021. Meno bene la produzione di miele in calo del 25%.  ...
Cibus_2021

Cibus: tutte le novità del settore agroalimentare Made in Italy

A Parma dal 31 agosto al 3 settembre va in scena Cibus, il Salone dell’Alimentazione: una manifestazione che consente di scoprire i nuovi cibi italiani. La XX° edizione di Cibus, organizzata da...