Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

8 Settembre 2009 | Attualità

Rai nel caos: Santoro teme per Annozero. Ruffini sostiene Report

Non si placa l’agitazione nei corridoi di Viale Mazzini. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi , scatenatesi in seguito alla pubblicazione di un articolo di Aldo Grasso, il direttore di Raitre Paolo Ruffini ha preso la parola per sollecitare l’assistenza legale, messa in dubbio del giornalista del Corriere e riconducibile a un tentativo di togliere autonomia alla trasmissione, ai collaboratori di Report. ” E’ un programma che si base su una squadra di freelance. A questi giornalisti la Rai ha garantito copertura legale negli anni. Su questo tema è stata sollevata la questione di rivedere la clausola dell’assistenza legale, nonostante il parere contrario della rete. La mia opinione è che Report è un patrimonio e quindi è utile all’azienda”, ha affermato Ruffini. Dalle parti di Raidue, invece, è stato Michele Santoro a esposi oggi con una lettera indirizzata direttore generale della Rai Mauro Masi e al direttore di Raidue Massimo Liofredi. “ A due settimane dalla partenza di Annozero – scrive il giornalista – nessuno dei contratti dei miei collaboratori è stato ancora firmato. Allo stesso modo, con grave pregiudizio del lavoro preparatorio del programma, non sono stati resi operativi gli accordi con operatori e tecnici che sono essenziali per le riprese esterne e le inchieste. Inoltre, non sono stati diffusi gli spot che annunciano la data di inizio di Annozero. Devo dire – prosegue Santoro – che una simile situazione non si era mai verificata da quando lavoro in televisione, né era mai accaduto che obiezioni e perplessità in materia editoriale si presentassero sottoforma di impedimenti burocratici; perché questo modo di fare non può che minare l’autonomia dell’azienda e le sue finalità produttive” .  ‘ Nonostante le vostre ripetute assicurazioni di questi giorni e nonostante l’atteggiamento di grande collaborazione da me tenuto – sottolinea Santoro – la situazione non è sostanzialmente cambiata. Mi risulta che anche altri programmi di punta del servizio pubblico, in particolare di Raitre, abbiano gli stessi problemi e si trovino a dover superare ostacoli pretestuosi per la messa in onda. Si tratta di pezzi pregiati che offrono al pubblico importanti motivazioni per continuare a pagare il canone e contemporaneamente risultano tra i più appetibili per la pubblicità in un momento assai difficile per il mercato ”.  Il giornalista ricorda di aver ricevuto “ quasi come un ordine” la decisione di introdurre in Annozero un terzo break pubblicitario. E questo a conferma dei risultati in termini di ascolti per un programma che si finanzia sostanzialmente con le entrate degli spot. “ Un’eventuale soppressione del programma – dice Santoro – aprirebbe un buco difficilmente colmabile nella programmazione arrecando un danno ai bilanci della Rai valutabile in decine di milioni di euro ”.   Dal momento che giornali e agenzie vicini al presidente del Consiglio – scrive ancora Santoro – continuano a diffondere notizie su vostre intenzioni che a me non risultano e che voi non provvedete a smentire, sono costretto a ricordare, a voi prima di tutto ma anche al presidente della Rai e ai consiglieri di amministrazione, che io sono in onda non per le decisioni di un partito ma per una sentenza della magistratura interamente confermata in appello. Perciò pende un procedimento presso la Corte dei conti che vorrebbe attribuire a responsabilità individuali che la Rai ha dovuto accollarsi per le condanne subite”.

Guarda anche:

Suore a scuola per comunicare il Vangelo sui social

Le suore provenienti da ogni parte del mondo hanno partecipato al workshop di cultura digitale ‘Pratiche e formati della comunicazione digitale per la vita religiosa’.  A organizzarlo è stata...

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...
Scarpa Rossa su libro ad Albisola Superiore

Tante iniziative in Italia contro la violenza sulle donne

Molti gli appuntamenti in occasione del 25 novembre, dalle scarpette rosse sparse per le città al numero per chiedere aiuto sulle confezioni del latte.   Per dar conto delle molte iniziative in...