Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

21 Dicembre 2011 | Economia

Rim: pronta offerta Microsoft e Nokia

Le azioni della casa produttrice di Blackberry sono salite dell’11% dopo le voci di possibili acquisizioni. I nomi dei compratori sono Microsoft e Nokia (in joint venture) ma si parla anche del colosso dell’e-commerce Amazon.   “ Lo stato delle negoziazioni ” con Microsoft e Nokia “ non è chiaro ma il fatto che ci siano state evidenzia che Rim si trovi in difficoltà ” scrive il Wall Street Journal . I risultati trimestrali deludenti hanno fatto affondare il titolo della società negli ultimi giorni e spinto gli investitori a chiedere cambi ai vertici o una vendita. I co-amministratori delegati Jim Balsillie e Mike Lazaridis hanno cercato di rassicurare gli azionisti sostenendo che avrebbero esplorato varie alternative . Rassicurazioni che, però, non hanno avuto il risultato sperato, con il titolo in caduta libera.   I manager di Rim, Microsoft e Nokia si sarebbe incontrati di frequente negli ultimi mesi per discutere. La società produttrice del Blackberry sarebbe stata avvicinata anche da Samsung e Htc per accordi sulla licenza del nuovo sistema operativo della società

Guarda anche:

Alimentari, fiore all’occhiello del Paese, i maggiori rincari nel 2022

Il 2022 si apre con un vero e proprio boom di rincari. Non solo l’ennesimo allarme contagi con la galoppante diffusione della variante Omicron in tutta Europa, ma a complicare la vita degli italiani...
pellicce

L’Italia si avvia alla chiusura della produzione di pellicce

Martedì 21 dicembre in Commissione Bilancio del Senato è stato approvato il divieto di allevare visoni, volpi, procioni, cincillà e animali di qualsiasi specie che vengano fatti riprodurre in...

Pronti a raddoppiare i permessi di lavoro agli stranieri

Il Presidente del Consiglio ribadisce che “i migranti sono una risorsa per il Paese”. Si dovrebbe passare dai 30mila annuali degli ultimi sei anni a circa 80mila ingressi di lavoratori dall’estero...