Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

18 Luglio 2008 | Attualità

Saccà: legali contro Cappon impugnano provvedimento di sospensione

Dopo la sospensione di dieci giorni decisa dal direttore generale della Rai Claudio Cappon nei confronti del direttore di Rai Fiction Agostino Saccà, i legali del manager vanno all’attacco e impugnano il provvedimento.  La decisione di sospendere Saccà era stata adottata all’indomani del Cda che aveva registrato la bocciatura della proposta di licenziamento di Saccà avanzata da Cappon. Il professor Federico Tedeschini e l’avvocato Nicola Petracca hanno attivato la procedura arbitrale presso l’Ufficio provinciale del lavoro di Roma. Questa attivazione di arbitrato ha così bloccato tutto: Saccà può così continuare regolarmente nel suo ruolo di responsabile di Rai Fiction, andando in ufficio, tenendo contatti di lavoro, ecc. “Sulla data dell’arbitrato è impossibile fare previsioni – afferma il professor Tedeschini -, ma considerando la prassi ritengo che di fatto quella sospensione abbia già perso d’efficacia”. Tedeschini e Petracca ritengono la sospensione “un ulteriore episodio dell’atteggiamento ritorsivo del direttore generale nei confronti di Saccà, non pago di aver vista respinta la sua proposta di licenziare il direttore di Rai Fiction”.  

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.