Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Marzo 2013 | Attualità

Savile, la polizia ha sempre saputo

Scotland Yard sapeva e poteva fermare gli stupri del presentatore tv Jimmy Savile . Questo è il responso di un report pubblicato dall’istituzione britannica Hmic (Her Majesty’s Inspectorate Constabulary), report secondo il quale il conduttore di Top od the Pop poteva essere fermato dalle autorità di polizia almeno negli ani ‘60 , quando ha iniziato nella sua immorale attività di stupratore e di pedofilo. Lo scandalo sul presentatore della Bbc è quindi destinato a ingrossarsi ancora dopo la pubblicazione di questa ricerca consegnata dal supervisore degli organi di polizia al ministro degli interni inglese Theresa May. Secondo quanto si legge in 61 pagine di inchiesta è ancora una volta sconcertante:  la polizia aveva ricevuto denunce contro Jimmy Savile , ma non le aveva prese seriamente in considerazione. Se lo avesse fatto, almeno dal 1964, avrebbe potuto impedire il ripetersi di numerosi atti di violenza.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...
Scarpa Rossa su libro ad Albisola Superiore

Tante iniziative in Italia contro la violenza sulle donne

Molti gli appuntamenti in occasione del 25 novembre, dalle scarpette rosse sparse per le città al numero per chiedere aiuto sulle confezioni del latte.   Per dar conto delle molte iniziative in...
turisti-Italia

Uno studio condotto da Istituto Piepoli ci dice che l’Italia resta tra le mete preferite per le vacanze dei turisti stranieri in Europa

L’indagine è stata realizzata per Confturismo-Confcommercio su un campione rappresentativo di viaggiatori americani, brasiliani, tedeschi, francesi e britannici, che prima della pandemia...