Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

7 Gennaio 2008 | Attualità

Sciopero autori Usa mette in pericolo la notte degli Oscar

Dopo la cerimonia dei Golden Globes (18 gennaio), George Clooney potrebbe mandare all’aria anche la serata degli Oscar: l’attore americano, considerato l’ispiratore del boicottaggio della serata dei premi della Hollywood Foreign Press da parte dei divi di Hollywood, potrebbe far fallire la cerimonia più attesa di tutte, la “notte delle stelle” degli Academy Awards. Il sindacato delle star, la Screen Actors Guild, ha annunciato qualche giorno fa che i suoi 70 aderenti candidati ai Globes, il premio della associazione della stampa estera considerato il più significativo indicatore degli Oscar, non parteciperanno alla cerimonia della prossima settimana per mostrare solidarietà con gli sceneggiatori in sciopero da oltre due mesi. “Sappiamo che è Clooney la forza dietro questa decisone. Lui che ha spinto i colleghi a non attraversare i picchetti”, ha detto una fonte della Nbc. Intanto il costo economico dello sciopero cresce per tutti: secondo Variety lo sciopero del Wga (Writers Guild Of America) costerà all’economia locale da 380 milioni di dollari a 2,5 miliardi di dollari, a seconda di quanto a lungo durerà. Secondo l’Associazione Produttori Amptp le perdite in salari persi sono già di 343 milioni di dollari fino a ora per i membri dei sindacati in sciopero, arrivando a 960 milioni se si includono i potenziali salari persi dagli sceneggiatori superpagati. L’ultimo sciopero del Wga, durato cinque mesi nel 1988, era finito in una perdita di 500 milioni di dollari, in un’epoca in cui lo show business impiegava 80.000 persone. Oggi quella forza lavoro è salita a 160.000 persone che generano un’attività economica annuale di 46.8 miliardi di dollari per la Contea di Los Angeles.

Guarda anche:

A Roma la ventesima edizione di “Più libri più liberi”

La piccola e media editoria italiana si incontra per cinque giorni di dibattiti e presentazioni. Dal focus internazionalizzazione un dato rassicurante: crescono i titoli italiani ceduti in Europa...

Le sfide di Milano

Una visione di Milano 2030 è evocata nel volume “8tto Racconti di Milano - Verso un nuovo progetto di città”. Edito da Assimpredil Ance di Milano, Lodi, Monza e Brianza, per approfondire, sotto...

Donne e over 65 i bevitori italiani di vino nell’analisi post pandemia

Uno studio dell’agenzia Wine Intelligence traccia il profilo post pandemia del consumatore italiano del vino.  La pandemia ha modificato il profilo del consumatore italiano di vino che è sempre più...