Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

18 Gennaio 2013 | Attualità

Scontro Stella-Santoro sul compenso

Sconfitto dal Cavaliere sotto il profilo della dialettica, Michele Santoro ha comunque vinto nella serata che Servizio Pubblico ha dedicato interamente a una lunga intervista a Silvio Berlusconi. Ha vinto sotto il profilo dello share, e questo era noto da tempo, e ha trionfato sotto quello economico. Sì perché  Giovanni Stella, ex amministratore delegato di Telecom Media, ha rivelato al Corriere della sera che il compenso del giornalista è direttamente legato agli ascolti. “ Di puntata in puntata, lo stipendio di Santoro, varia a seconda di quante persone si piazzano davanti alla tivù a vedere il suo programma. Così quel 33% di share, con 8,6 milioni di spettatori, oltre a rappresentare un record assoluto per la rete che ha trasmesso il programma, varrebbe tanto oro quanto pesa” . Ma il giornalista ha immediatamente replicato alle accuse, precisando che ” quando il programma fa il 12 di share della rete le fasce si bloccano e La7 paga il massimo. Se facciamo anche il 20% o l’80% non cambia nulla. Servizio Pubblico guadagna comunque la stessa cifra”.  “È come una scala ”, ha spiegato il conduttore, “ Berlusconi in questa storia non c’entra niente. In tutte le puntate abbiamo sempre raggiunto il 12% di ascolti. Tra l’11 e il 12 ci sono solo 20 mila euro di differenza che vanno al programma, non a Michele Santoro. Questo sia chiaro. Santoro non è pagato da La7”.

Guarda anche:

Simona Molinari - press office

Callas Tribute Prize NY assegnato a Simona Molinari

La cantante napoletana riceverà il prestigioso riconoscimento internazionale il 7 marzo, in vista della festa della Donna. La cantante Simona Molinari è stata insignita del Callas Tribute Prize NY....

L’UNESCO ha designato Bolzano Città Creativa della Musica

Con le 55 nuove realtà di tutto il mondo entrate a far parte del club delle Città Creative UNESCO, la Rete ne conta adesso 350 in oltre cento Paesi, che rappresentano sette settori creativi:...
la vera origine dei numeri decimali - ph. cheskapoondesignstudi

I numeri decimali hanno 150 anni in più del previsto e sono italiani

Erano usati già nel 1400 da un mercante veneziano. Si pensavano introdotti da un matematico tedesco a fine '500 Utilizzati da un mercante veneziano già nel 1440, i numeri decimali avrebbero 150 anni...