Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Maggio 2023 | Attualità

Seconda edizione della Sicily Music Conference

Dal 18 al 21 maggio a Palermo la conferenza internazionale sulla musica nata lo scorso anno. Molta attività nelle scuole e ospiti internazionali, per un’idea nata da operatori del settore che hanno origini sull’isola.

Torna per il secondo anno consecutivo la Sicily Music Conference | Meeting & Festival, l’unica conferenza internazionale sulla musica in Sicilia. Dal 18 al 21 maggio a Palermo sono in calendario incontri, panel (e panelle!), workshop, conferenze e seminari sullo stato della musica: dalle nuove tecnologie alla sostenibilità, dal gender balance al copyright, con un focus particolare rivolto all’educational e al live.

Un concept nato per la Sicilia

L’idea del Meeting nasce nel 2020 da un gruppo di operatori della filiera musicale di origini siciliane: Federica Ceppa, Giulio Castronovo, Dario Caretto ed Enrico Cantaro. Il loro obiettivo è quello di creare un luogo dove raccontare al pubblico le mille sfaccettature di questo ambiente e agli addetti ai lavori desiderosi di confrontarsi sui temi più svariati, legati al mondo della musica e dello spettacolo. Questa idea si è concretizzata nel 2022 nella prima edizione della SICILY MUSIC CONFERENCE | MEETING & FESTIVAL, che adesso torna ancora più ricca di eventi.

Musica accessibile e sostenibile

La seconda edizione della Conferenza mette al centro dei lavori i concetti di Accessibilità e Sostenibilità. «Essere accessibili significa progettare eventi fruibili anche dai diversamente abili. Essere sostenibili significa, da un lato, dare valore al lavoro del comparto musicale e, dall’altro, tutelare l’ambiente. Ci interrogheremo e interrogheremo i nostri ospiti per capire se e come affrontare questa sfida», spiega Federica Ceppa. Questa chiave di lettura interesserà i diversi temi affrontati nei tre giorni di convegno, cercando di raccontare le necessità di un settore che ha ancora bisogno di riforme, crescita, confronto… ma soprattutto urgenza di cambiamento, come dimostrato durante e dopo la pandemia.

Fra scuole, round table e live

Il programma si sviluppa su tre giorni (la mattina del 21 maggio è per i saluti e gli abbracci finali) in cui parole e musica vivranno ogni contenuto in tempi e luoghi distinti: le mattine saranno infatti dedicate agli educational, i pomeriggi a round table e ad approfondimenti e le serate a ulteriori incontri e live. Cruciali saranno gli incontri degli studenti con artisti e maestranze, per scoprire e fare domande su un settore di cui si parla tanto che non si conosce in tutte le sue sfaccettature. Anche per questo verrà dato spazio a un focus specifico ai Live Club italiani e, presso i Cantieri della Zisa, si esibiranno poi tre gruppi selezionati grazie al lavoro della E-R Music Commission: SAVANA FUNK, SO BEAST e TRUST THE MASK. Verrà inoltre presentata SICILIA LIVE, la nuova agenzia per la promozione e il supporto della musica siciliana suonata e prodotta nata dopo la prima edizione della SMC grazie al prezioso contributo del team di Puglia Sounds.

Parterre internazionale

Dopo il supporto ricevuto nel 2022 da Kaptin Barret del BoomTown Festival di Londra, quest’anno i momenti di approfondimento con ospiti internazionali saranno ancora più numerosi grazie al supporto di Mark Dieler – Lituano-Italo-Tedesco – nel settore musicale da oltre vent’anni in giro per il mondo. Alla SMC si potrà parlare fra gli altri con: Aleksei Brjantsev aka Darkside, dj non vedente che presenterà un tool dedicato a chi, come lui, non può accedere ai software tradizionali; Misia Furtak artista parte di un collettivo che organizza i cosiddetti “Festival Boutique”: festival più intimi e sostenibili, solitamente in luoghi piccoli ma privilegiati; Lena Sme del Music Observation Organization, associazione no profit che si occupa di promuovere progetti legati alla ricerca del benessere attraverso la musica; Chris Macmeikan, Direttore Artistico del Continental Drifts Festival in Nebraska ma anche Direttore Artistico di uno dei palchi più prestigiosi del Glastonbury Festival.

di Daniela Faggion

Sicily Music Conference

Guarda anche:

collaborazione fra cinema italiano e francese - mermyhh

Italia – Francia si giocano la partita dell’audiovisivo

Tavola rotonda tra Istituzioni e professionisti del settore per discutere di strategie e nuove opportunità Si è svolto a Roma il secondo incontro in pochi mesi tra CNC (Centre national du cinéma et...
telecamere di sicurezza con intelligenza artificiale - Molicris

Oltre 200 negozi in Italia sventano i furti con l’IA

Il sistema è di una start up che promette di diminuire il taccheggio e prevenire in tempo reale i furti Almeno tremila negozi in tutto il mondo hanno scelto una tecnologia basata sull'intelligenza...

Venezia adotta un codice deontologico per gli operatori turistici

Proporre itinerari alternativi per Piazza San Marco; utilizzare auricolari per l’ascolto delle spiegazioni delle guide; consigliare al turista di tenere la destra nelle calli per evitare intralci al...