Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

26 Gennaio 2006 | Attualità

SECONDO L’OCSE GLI STUDENTI CHE USANO IL COMPUTER SONO PIù BRAVI A SCUOLA

Chi usa regolarmente il computer ottiene migliori risultati a scuola. E’ quanto sostiene l’Ocse (Organizzazione di cooperazione e sviluppo economico) in uno studio condotto su studenti quindicenni in 41 paesi sull’utilizzo del pc. Dai risultati emerge che in molti paesi dell’Ocse la maggior parte degli studenti di 15 anni usa il computer, sia a scuola sia a casa. Il Liechtenstein e gli Stati Uniti sono i paesi in cui i quindicenni hanno maggiori possibilità a scuola, con 3 computer per 10 studenti. In Italia il 60% circa dei quindicenni dispone di un pc a casa mentre c’è circa 1 computer ogni 3 studenti a scuola. La Germania è il paese dove si registra la più bassa percentuale di giovani che usano il computer a scuola (23%) e la più alta percentuale di coloro che lo usano a casa (82%). Per quanto riguarda l’utilizzo del computer, dallo studio emerge che è usato non solo per i videogiochi ma anche per altre attività: la metà del campione se ne serve anche per fare ricerche.

Guarda anche:

Nuovo studio spiega come sono manipolati i dibattiti sui social

Scienziati del CNR hanno realizzato una ricerca pubblicata dalla rivista americana PNAS. La chiave della manipolazione delle idee sarebbe il comportamento coordinato degli utenti online con profili...
Agostino Iacurci, Ensemble, 2024, progetto facciata Le Pré Catelan, Courtesy l'artista

Ecco Casa Italia a Parigi 2024

In occasione dei XXXIII Giochi Olimpici in programma a Parigi dal 26 luglio all’11 agosto 2024 il CONI ha scelto Le Pré Catelan, luogo simbolo dell’Olimpismo Per accogliere gli atleti dell’Italia...
La foto di Lukas Demetz e Rolando Ligustri - dal sito uai.it

Scatto italiano per una recente foto del giorno Nasa

È lo scatto dell'anticoda della cometa 12P realizzato da Lukas Demetz e Rolando Ligustri Mentre qualcuno ha sorriso per la cosiddetta "cometa cornuta" con due code, due esperti astrofili italiani...