Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

3 Giugno 2014 | Economia

Siemens taglia ancora dipendenti

Siemens ha iniziato un vasto piano di ristrutturazione aziendale , di cui al momento non si conoscono i dettagli; in compenso, è già stato annunciato il numero di posti interessati. Joe Kaeser, amministratore delegato, ha fatto sapere che 11.600 dipendenti saranno in qualche modo influenzati dal rinnovamento ; non tutti, però, necessariamente perderanno il posto. Quattro settori saranno completamente cancellati, e le divisioni caleranno da 16 a 9. “Per adesso – ha dichiarato il portavoce Alexander Becker – il signor Kaeser ha detto soltanto quante posizioni sono comprese nella ristrutturazione organizzativa. Ma eliminare le attività in un’area non comporta necessariamente un taglio dei posti di lavoro” .

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.