Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

25 Giugno 2014 | Economia

Software, agli italiani piacciono pirata

I programmi illegali proliferano sui computer degli italiani , che scelgono spesso di rinunciare alle affidabili versioni originali, con rispettive (costose) licenze, per scandagliare il web alla ricerca di edizioni pirata, meno sicure e comunque dannose per l’industria informatica. Secondo i dati sciorinati dalla Software Alliance, in Italia il 50% dei software installati su pc e affini non è originale e almeno un decimo di essi contiene virus o malware. In Italia, il download illegale è un problema sempre più diffuso: la pratica è cresciuta del 47% nell’ultimo biennio, a dispetto di un balzo in avanti del 43% nel resto del mondo. Stando al rapporto è necessaria una politica che porti le aziende ad adottare programmi con licenza, da cui dipendono molti dei guadagni mancanti dei produttori di software.

Guarda anche:

Se è solo questione di etichetta

La Commissione Europea cerca di adottare una classificazione unica per tutti i prodotti alimentari dell’Unione. La guerra all’etichetta è scoppiata a maggiori 2020, quando la Commissione Europea ha...

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...