Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Giugno 2014 | Economia

Sony pensa Playstation in realtà virtuale

Dopo aver sbancato il mercato con Playstation 4, di gran lunga la console più venduta nell’ultimo anno e capace di battere senza apprensioni la concorrenza di Nintendo Wii U e di Xbox One di Microsoft, Sony allarga le sue frontiere e si prepara a lanciare un casco per la realtà virtuale.  E’ in fase di sviluppo Project Morpheus Playstation, che arricchirà il dispositivo per videogame di un casco che permetterà agli utenti di calarsi in prima persona negli ambienti di gioco. I grandi occhiali porteranno in vita mondi virtuali e potranno essere usati anche per simulazioni tecnico-scientifiche distanti da finalità ludiche. All’Electronic entertainment expo in corso in questi giorni in California sono state presentate anche le prime applicazioni per il servizio, che Sony spera di abbinare a breve alla sua console. La realtà virtuale sarà, entro la fine del prossimo anno, a disposizione di qualunque videogiocatore Sony, che dovrà comunque rincorrere (almeno teoricamente) Facebook, che dopo l’acquisizione di Oculus Rift si appresta a lanciare i propri occhiali virtuali entro il 2014, al prezzo di circa 350 dollari.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...