Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

26 Maggio 2014 | Economia

Sony porta Ps4 in Cina con Pearl Group

Evoluzione in vista per Sony, che grazie alla collaborazione con Shangai Oriental pearl Group proverà a conquistare il mercato cinese dei videogame . Tramite la creazione di due distinte joint venture, una focalizzata sull’hardware e l’altra sul software, le due compagnie produrranno e distribuiranno PlayStation in Cina. Poche settimane fa, Pechino ha annullato il divieto di commercializzazione della console giapponese sul suo territorio, in vigore dal 2000 , così Sony si è messa immediatamente al lavoro per colmare il vuoto e allettare l’enorme clientela (potenziale) all’ombra della Muraglia. La sfida è ardua, per vari motivi : innanzitutto la pirateria, che in Cina affligge come una piaga il settore dei videogiochi; poi c’è la concorrenza sfrenata dei dispositivi mobili, nuove piattaforme preferite dei giocatori, con un’ampia offerta gratuita. Ma sfondare a Oriente potrebbe garantire a PlayStation una seconda stagione dell’oro, dopo quella di inizio millennio.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.