Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

16 Febbraio 2006 | Economia

SU DECODER ANTITRUST ATTENDE TAR

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha deciso di sospendere il procedimento avviato il 22 dicembre 2005 nei confronti del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per presunta violazione della legge sul conflitto di interessi. La questione è relativa ai contributi stanziati dal governo per l’acquisto dei decoder per la tv digitale terrestre. L’opposizione aveva presentato un esposto all’Autorità perché il fratello del premier, Paolo Berlusconi, è proprietario della Solari, società tra le maggiori in Italia per distribuzione di decoder. L’Antitrust ha deciso di attendere l’esito del ricorso presentato al Tar dal senatore della Margherita Luigi Zanda contro la stessa Antitrust per aver respinto la richiesta di conoscere gli atti del procedimento Berlusconi.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.