Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

23 Marzo 2008 | Attualità

Successo e critiche per il festival della canzone in Afghanistan

Un incrocio tra il Festival di Sanremo e X Factor in chiave afgana. Afghan Star è un programma basato su un format mai arrivato in Italia ed è andato in onda sulla Tv privata musicale Tolo Tv. E’ in sostanza una competizione tra dilettanti che ha raccolto davanti ai teleschermi undici milioni di afgani e uno share del 90% . Di per sé la cose è eccezionale se si pensa anche che oltre 300 mila persone hanno votato via Sms il loro cantante preferito. Un sintomo di normalizzazione o di incursione della Tv all’occidentale? Rafi Nabzada non se ne preoccupa. Lui ha vinto i cinquemila dollari destinati al primo classificato . Ma Nabzada è tagiko in un Paese a maggioranza pashtun. E per giunta seonco classificato è Hamid Sakhizada, di una minoranza ancora più piccola, quella Hazara. E ci si interroga in un luogo in cui nulla sembra mai casuale se sia un caso o un modo per diluire le tensioni tra le etnie dando a tutti qualcosa. La terza classificata è una donna di Kandahar, la città cuore della tradizione afgana, che ora pare, secondo il Financial Times, abbia problemi a uscire di casa dopo il passaggio in televisione . Per un’altra concorrente la gara è terminata prima: il velo le è scivolato rivelando un ricciolo di capelli e costandole l’eliminazione. Questo è quello che accade quando le mentalità entrano in conflitto attraverso i mezzi di comunicazione che per loro natura non hanno memoria né tradizioni. Il proprietario del canale Tolo Tv, Saad Mosheni, è entusiasta : “Queste trasmissioni servono a costruire un Afghanistan migliore”, assicura. I più cattivi però dicono che a migliorare sia solo il suo conto corrente, aperto in una banca australiana. Tolo Tv ha rischiato più volte di essere chiusa a cusa dei contrasti che apre all’interno del paese per le sue immagini considerate spesso troppo disinibite. Ma è difesa dalle istituzioni afgane tanto da meritarsi citazioni da parte della diplomazia ufficiale. Ha un suo telegiornale fatto anche da reporter donna

Guarda anche:

Donne e over 65 i bevitori italiani di vino nell’analisi post pandemia

Uno studio dell’agenzia Wine Intelligence traccia il profilo post pandemia del consumatore italiano del vino.  La pandemia ha modificato il profilo del consumatore italiano di vino che è sempre più...

Approvato il Super Green Pass, nuove regole dal 6 dicembre

Obbligo vaccinale e terza dose, estensione dell'obbligo del vaccino a nuove categorie, istituzione del Super Green pass a partire dal 6 dicembre e rafforzamento dei controlli e campagne promozionali...

Il fondo statunitense KKR presenta un’offerta per TIM sul 100% delle azioni

Il fondo statunitense KKR ha presentato un’offerta per acquisire il 100% delle azioni di Tim. Il socio di maggioranza dell’azienda di telecomunicazioni è Vivendi, società francese guidata da Vincent...