Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

5 Giugno 2014 | Economia

T-Mobile America è di Sprint, per 32 miliardi

Sprint Corp. ha acquistato T-Mobile Us, sezione statunitense dell’operatore tedesco Deutsche Telekom , per una cifra superiore a 32 miliardi di dollari , nel tentativo di competere con Verizon e At&t, ovvero le prime due aziende americane di telecomunicazioni. L’accordo permette a Deutsche Telekom di immettere nelle sue casse denaro fresco (non a caso il titolo è balazato in avanti dell’1,5% alla Borsa di Francoforte). Le banche d’affari che operano nel settore, come JP Morgan, si aspettavano però un’offerta ancor più alta da parte di Sprint, in considerazione delle potenziali sinergie che l’operatore mobile può innescare negli Stati Uniti. L’intesa tra le due società, comunque, dovrà passare il vaglio della Federal communications commission , che regola il settore e tre anni or sono aveva rigettato l’offerta d’acquisto per T-Mobile Us da parte di At&t, del valore di 39 miliardi di dollari. Bocche cucine tra i diretti interessati. Se ne parlerà dopo la pronuncia del Garante americano.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.