Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

27 Giugno 2014 | Economia

Telco in rosso, a un passo dallo scioglimento

Poche gioie e molti dolori dal bilancio di Telco . La holding tra le banche e l’operatore Telefonica che controlla Telecom Italia ha registrato perdite per 952,5 milioni di euro nel bilancio fiscale 2013-14, dopo oneri finanziari per 120,3 milioni e rettifiche di valore sulle azioni Telecom per 830,5 milioni. Tenuto conto della perdita di 369,1 milioni contabilizzata nella situazione patrimoniale al 31 agosto 2013, già coperta con delibera dell’assemblea straordinaria, la perdita residua ammonta a circa 583,4 miloni, superiore ad un terzo del capitale sociale . A rendere noti i conti è stato il consiglio di amministrazione di Telco, che ha approvato all’unanimità la scissione della società , dopo la decisione presa precedentemente da Generali, Mediobanca e Intesa Sanpaolo (gli istituti di credito soci) di esercitare l’opzione per uscire dalla holding. Lo scioglimento è subordinato al via libera da parte della utorità di controllo brasiliane e argentine, oltre che italiane, per via delle attività estere di Telco. La compagnia rimarrà in vita con un capitale minimo e senza più azioni Telecom, per poi essere liquidata.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...