Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

29 Settembre 2008 | Attualità

Tg3 Punto donna riparte dagli stupri in guerra

Lo stupro arma di guerra. Questo sarà il tema di Tg3 Punto donna , settimanale di informazione condotto dal punto di vista femminile. Il programma, ideato e condotto da Ilda Bartoloni, è giunto alla sua settima edizione e ripartirà domani alle 12.25 su Raitre. A discutere in studio della risoluzione 1820 del Consiglio delle nazioni Unite del giugno 2008, che condanna la violenza sessuale durante i conflitti come crimine di guerra e crimine contro l’umanità, ci saranno: la vice presidente del Senato Emma Bonino e la portavoce dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati Laura Boldrini. I servizi si occuperanno delle violenze contro le donne nel conflitto russo-georgiano; dello spettacolo che Daniela Giordano ha tratto dalla risoluzione 1820 e del parere delle donne in merito a questo provvedimento. Infine ci sarà un omaggio a Malalai Kakar, la poliziotta afghana, capo del Dipartimento contro le violenze alle donne, uccisa ieri dai Talebani.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.