Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

7 Marzo 2013 | Attualità

The Voice, il talent al buio

La linea l’ha spiegata bene Piero Pelù: “ Questo non è un talent, questo è un programma musicale. Anzi è il primo programma, dopo molti anni, dove a contare non è l’immagine, ma solo la vocalità e dove si lavora per creare un rapporto diretto tra musica e creatività. Solo per questo ho accettato di partecipare ”. Parole di un rocker che si è sempre tenuto lontano dal sistema televisivo che danno la misura delle ambizioni di The Voice of Italy . È il nuovo show di Rai 2 in partenza questa sera, che si trova ad affrontare due obiettivi grandi come una montagna: riproporre uno show musicale dopo il passaggio di X Factor a Sky e il fallimento di Star Academy e porsi da base per la ricostruzione della rete stessa, in crisi di identità e di ascolti. La rete ha cercato di mettere in campo le sue maggiori potenzialità. Prima di tutto la squadra dei coach-capitani: oltre a Piero Pelù, Raffaella Carrà, Riccardo Cocciante e Noemi. In secondo luogo, il meccanismo: in qualche punto somiglia al talent in onda su Sky, ma si basa su un sistema che ha avuto successo in tutto al mondo:  la scelta al buio dei concorrenti . I coach selezionano i propri allievi sentendo solo la voce, girati di spalle seduti su enormi poltrone, e si girano solo se vogliono quel cantante in squadra. A condurre il programma ci sarà l’attore Fabio Troiano nell’inedita veste di inviato a bordo-studio e la v-reporter Carolina Di Domenico che terrà i collegamenti con il mondo del web. 

Guarda anche:

Genova, Piazza de Ferrari

L’Ocean Race in Italia per la prima volta

La competizione che solca gli Oceani da mezzo secolo sbarca a Genova nel giugno 2023.   Fra gli eventi in calendario per il nuovo anno c’è anche l’arrivo della Ocean Race, che sbarcherà a...
pizza napoletana

Pizza napoletana: approvato marchio di garanzia contro le etichette fake

Non nominare la pizza napoletana invano. Dal 18 dicembre entra in vigore il Regolamento UE che assegna alla ricetta della tradizionale pizza napoletana l’etichetta di Stg, “specialità tradizionale...

Questa volta Sting nella bottle mette il vino e vince il premio “Vignaiolo Verde”

In occasione della presentazione del volume ‘I migliori 100 vini e vignaioli d’Italia 2023’, la guida diretta dal sommelier ex campione del mondo Luca Gardini che seleziona i cento vignaioli tenendo...