Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

27 Maggio 2014 | Economia

Tlc, si prepara lo scioglimento di Telco

Venti di cambiamento in Telecom Italia. Sono infatti cominciate le consultazione che dovrebbero portare allo scioglimento di Telco , joint venture che di fatto controlla la compagnia di telecomunicazioni nostrana.  Il processo comincerà a giugno e dovrebbe terminare entro la fine del 2014, scindendo la compartecipata: Mediobanca (che ha il 7,34%), Intesa Sanpaolo (7,34%), Generali (19,32%) e Telefonica (66%) prenderanno strade diverse e Telecom Italia verrà in pratica completamente riorganizzata.  A gennaio, Telefonica ha chiesto la conversione delle sue azioni C in titoli di tipo B, che la porterebbero a gestire il 64,9% dei diritti di voto in Telco . La società spagnola è divenuta la voce principale nel conglomerato di tlc che gestisce Telecom e non ha mai nascosto la volontà di avere un ruolo di primo piano. Una volta effettuata la conversione, i soci Telco possono chiedere la scissione in due fasi: tra il 15 e il 30 giugno 2014, oppure dall’1 al 15 febbraio 2015. Le società italiane, con ogni probabilità, dichiareranno il liberi tutti ed entreranno in possesso del pro quota di Telecom Italia.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.