Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Novembre 2008 | Attualità

Torna Karate Kid con il figlio di Will Smith

Stando al sito Variety, la Columbia Picture girerà una nuova versione del celebre Karate Kid in coproduzione con la China FIlm Group Corp. Il protagonista della pellicola sarà il figlio di Will Smith, Jaden; il ragazzino ancor prima di essere scritturato praticava arti marziali. L’attore e cantante un tempo principe di Bel Air adora recitare insieme ai suoi figli: in La ricerca della felicità gli fu accanto proprio Jaden, in Io sono leggenda insieme a lui c’è l’ultima arrivata in famiglia, la piccola Willow Camille Reign e nel video della canzone Just the two of us compare il figlio avuto dalla prima moglie, Trey. La sceneggiatura del nuovo Karate Kid sarà firmata da Chris Murphy e le riprese incominceranno l’anno prossimo a Pechino e in altre città dell’Asia. La trama sarà analoga a quella del grande classico, con il protagonista colpito da bullismo a scuola e salvato da un eccentrico maestro di karate. Doug Belgrad e Matt Tolmach, i presidenti della Columbia, volgio riportare in auge questa serie di successo, che cominciò nel 1984 interpretata da Ralph Macchio e Pat Morita. Il quarto film della serie ebbe per protagonista una ragazza, Hilary Swank, lanciata verso il successo di Hollywood.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.