Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

5 Giugno 2014 | Economia

Trenta milioni di Pmi social con Facebook

Facebook è il sito 2.0 preferito dalle piccole aziende di tutto il mondo: sono oltre 30 milioni le pagine business attive sul social network . I numeri annunciati da Mark Zuckerberg & Co. mirano a testimoniare il ruolo cardine della piattaforma nei destini delle piccole imprese, che possono gestire al meglio il marketing anche grazie all’interazione con l’audience mobile. Non a caso, il sito ha da tempo aperto una sezione intitolata Facebook for business (anche in italiano) , in cui spiega agli imprenditori come sfruttare al meglio le potenzialità del social network per i loro affari, con notizie, suggerimenti e contenuti specifici dedicati alle aziende e agli inserzionisti pubblicitari. Sempre più, Facebook pullula di marchi e brand, e sempre più in califronia si prova a creare un circolo virtuoso tra le attività commerciali e quelle ludiche del social networking, con gli utenti come obiettivo finale e i profitti adv come grande carburante per i profitto del sito in blu.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.