Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

12 Aprile 2010 | Economia

Twitter punta sul mobile

Per il microblog Twitter è giunto il momento di cambiare marcia e aggredire il settore che più adatta alle sue peculiarità: il mobile. Il social network da 140 caratteri ha acquistato Atebis, società produttrice dell’applicazione per iPhone Twittie. Il programma è uno dei tanti che permette ai possessori del melafonino di aggiornare la pagina di Twitter mediante il dispositivo mobile. Rilevando la società, il social network entra ufficialmente in possesso dell’applicazione, con tutto ciò che ne consegue : modalità di fruizione, eventuali sponsorizzazioni, ecc. La prima mossa per Twitter for iPhone, questo il nuovo nome dell’app, è quello di renderla gratuita e di eliminare così il cartellino precedente da 2,99 dollari. L’obiettivo è quello di rosicchiare utenti a Facebook laddove la correlazione fra sms e twett può fare la differenza. “ Stiamo lavorando sodo per migliorare il nostro prodotto, aggiungere nuove funzionalità, operare acquisizioni quando è nel migliore interesse dell’intero ecosistema” , ha affermato il responsabile di Twitter Ryan Sarver. L’attacco al mobile passa anche per Blackerry e per il rilascio dell’applicazione dedicata agli smartphone di Research in Motion, rilasciata in questi giorni..

Guarda anche:

Alimentari, fiore all’occhiello del Paese, i maggiori rincari nel 2022

Il 2022 si apre con un vero e proprio boom di rincari. Non solo l’ennesimo allarme contagi con la galoppante diffusione della variante Omicron in tutta Europa, ma a complicare la vita degli italiani...
pellicce

L’Italia si avvia alla chiusura della produzione di pellicce

Martedì 21 dicembre in Commissione Bilancio del Senato è stato approvato il divieto di allevare visoni, volpi, procioni, cincillà e animali di qualsiasi specie che vengano fatti riprodurre in...

Pronti a raddoppiare i permessi di lavoro agli stranieri

Il Presidente del Consiglio ribadisce che “i migranti sono una risorsa per il Paese”. Si dovrebbe passare dai 30mila annuali degli ultimi sei anni a circa 80mila ingressi di lavoratori dall’estero...