Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Gennaio 2006 | Economia

UE: Sì ALL’ACQUISTO DI O2 DA PARTE DI TELEFONICA, CHE DEVE LASCIARE FREEMOVE

La Commissione europea ha dato il via libera condizionato alla proposta acquisizione dell’operatore di telefonia inglese O2 da parte del gestore spagnolo Telefonica. La Ue temeva che l’operazione si sarebbe risolta in una distorsione della competizione nel settore del roaming internazionale. Per ottenere l’ok dalla Ue Telefonica si è quindi impegnata a lasciare FreeMove, l’alleanza che comprende France Telecom, Telecom Italia e Deutsche Telekom nata proprio per migliorare i servizi internazionali di roaming. O2, invece, partecipa all’alleanza Starmap che raccoglie operatori di dimensioni minori. Telefonica ha inoltre assicurato che non rientrerà nell’alleanza “senza la previa autorizzazione della Commissione Ue”

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.