Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

7 Novembre 2023 | Ambiente, Attualità, Economia

Un miliardo di euro per i nuraghi sardi

Lo studio “Sardegna, Nuraghi e PIL”, di OC&C Eumetra, ritiene che la valorizzazione della civiltà nuragica possa valere oltre un miliardo di euro per il PIL sardo.

OC&C Strategy Consultant è una delle maggiori realtà mondiali di consulenza strategica specializzate nel turismo, ed è partita dall’analisi dell’impatto economico delle attività turistiche che oggi in Sardegna generano oltre 3 miliardi di PIL. La Sardegna è tra le prime cinque regioni d’Italia per rilevanza in termini di valore aggiunto per residente. Il turismo incide per l’8.5% del PIL regionale rispetto al 4.9% dell’Italia. Le presenze toccano quota 16 milioni l’anno, seppur concentrate nei mesi estivi con tassi di saturazione stabili negli anni.

Lo studio sottolinea come il contesto turistico in Sardegna manifesti condizioni favorevoli allo sviluppo del turismo culturale. La Sardegna è una delle mete più amate dagli italiani, più del 60% l’ha visitata, con soggiorni superiori ai 4 giorni per oltre il 70% dei turisti, aperti a escursioni ed esplorazioni del territorio.

Entrando nel dettaglio dello studio, tra effetti diretti, indiretti e indotto, i nuraghi potrebbero generare una ricaduta potenziale sul PIL di circa 2.500€ l’anno in tasca a ogni famiglia sarda e potrebbe attirare 2 milioni di visitatori l’anno.

E potrebbe soprattutto accrescere la conoscenza dell’antica civiltà sarda dato che appena il 10% di chi arriva in Sardegna visita i siti nuragici (per lo più sono turisti stranieri). Quasi la metà dei turisti che ogni anno visitano l’isola (il 47% per la precisione) non ha mai sentito nominare i nuraghi. E ben il 30% di quelli che sanno dell’esistenza dei nuraghi non ha nessuna intenzione di andare a visitarli.

La civiltà nuragica nacque e si sviluppò in tutta la Sardegna nel corso della media e tarda età del bronzo e nell’età del ferro (1700-700 a.C. circa), e deve il suo nome ai nuraghi, le imponenti costruzioni megalitiche considerate le sue vestigia più eloquenti e sulla cui effettiva funzione gli archeologi discutono da tempo.

Con i suoi 377 Comuni, la Sardegna è unita nella richiesta presentata all’Unesco di inserire i nuraghi nella lista dei beni patrimonio dell’umanità. Ad aprile l’Associazione “La Sardegna verso l’Unesco” ha presentato al Ministero della Cultura il dossier progettuale propedeutico alla candidatura, per superare il gap rispetto ai grandi siti storici e archeologici italiani: a Pompei arrivano 3.6 milioni di visitatori l’anno, ai Trulli di Alberobello 2 milioni, ai Sassi di Matera 1.9 milioni, mentre i nuraghi registrano solamente 400mila visitatori.

 

(Fonte immagine: La Sardegna verso l’Unesco)

Guarda anche:

L’UNESCO ha designato Bolzano Città Creativa della Musica

Con le 55 nuove realtà di tutto il mondo entrate a far parte del club delle Città Creative UNESCO, la Rete ne conta adesso 350 in oltre cento Paesi, che rappresentano sette settori creativi:...
la vera origine dei numeri decimali - ph. cheskapoondesignstudi

I numeri decimali hanno 150 anni in più del previsto e sono italiani

Erano usati già nel 1400 da un mercante veneziano. Si pensavano introdotti da un matematico tedesco a fine '500 Utilizzati da un mercante veneziano già nel 1440, i numeri decimali avrebbero 150 anni...
Birra "Era Pane"

Era pane, ora è Birra. Il progetto di una famiglia italiana

Non è un semplice birra artigianale, ma molto di più. Si chiama "Erapane" del brand Cerchi nel Pane prodotta dal panificio Rizzato, una bottega storica di Lugo di Ravenna. Dentro a questa produzione...