Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

23 Dicembre 2023 | Attualità, Eventi

Un nuovo David ai sei astri nascenti del cinema italiano

Sono Cecilia Bertozzi, Domenico Cuomo, Michele Eburnea, Leonardo Maltese, Fotinì Peluso e Yile Vianello, alcuni con carriere già avviate

Il cinema italiano non vuole vivere solo della sua storia importante e dei suoi attori culto del passato. Anche per questo è nato un David di Donatello per per gli attori-rivelazione sotto i 28 anni: il ”David Rivelazioni Italiane – Italian Rising Stars”. E non solo il premio è appena stato presentato a Firenze, ma è già stato assegnato per il 2023: i nostri astri nascenti del cinema per quest’anno sono Cecilia Bertozzi, Domenico Cuomo, Michele Eburnea, Leonardo Maltese, Fotinì Peluso e Yile Vianello.

Una statuetta e un percorso formativo

Forti di questo riconoscimento, i sei nuovi talenti su cui scommettere compiranno un percorso di formazione insieme a una serie di mentori in grado di condividere con loro conoscenze sul cinema, sullo spettacolo e sulla cultura: il critico Paolo Mereghetti, l’editrice e regista Elisabetta Sgarbi, la linguista Nicoletta Maraschio, il Direttore Generale di Fondazione Palazzo Strozzi Arturo Galansino, la Segretaria Generale di Anica Academy Francesca Medolago Albani, il coreografo e danzatore Virgilio Sieni e l’attrice Jasmine Trinca, divenuta – a suo tempo – un giovane astro nascente del cinema italiano grazie a “La stanza del figlio” di Nanni Moretti e poi a “La Meglio Gioventù” di Marco Tullio Giordana.

Chi sono e dove hanno recitato

Gli attori premiati, comunque, non sono esattamente dei principianti: Cecilia Bertozzi è apparsa in ”Comandante” con Pierfrancesco Favino e presto sarà nella seconda stagione di ”Call my agent” di Sky Original. Domenico Cuomo è nel cast della serie culto ”Mare Fuori”, nella serie ”Il professore” e nel film di Brando De Sica ”Mimì principe delle tenebre”. Michele Eburnea ha già lavorato con Nanni Moretti per il suo recente ”Il sol dell’avvenire”, mentre Leonardo Maltese ha partecipato a ”Il signore delle formiche” e a ”Rapito”. La magnetica Fotinì Peluso, scoperta da Enrico Vanzina e Francesco Bruni, è lanciatissima anche in Francia, mentre l’eterea Yile Yara Vianello è stata la protagonista de ”La bella estate”.

La giovane costola del David spuntata in Toscana

Il nuovo premio, realizzato materialmente da Bulgari, è nato dalla collaborazione dell’Accademia del Cinema italiano con l’area cinema di Fondazione Sistema Toscana. A presentare i primi sei vincitori al Museo Nazionale del Bargello, a conclusione della 50 Giorni di Cinema a Firenze, è stata Piera Detassi, presidente e direttrice artistica dell’Accademia del Cinema Italiano – David di Donatello, affiancata da Stefania Ippoliti della Toscana Film Commission. A votarli, invece, erano stati la Presidenza del David e il Consiglio Direttivo composto da Nicola Borrelli, Francesca Cima, Edoardo De Angelis, Domenico Dinoia, Francesco Giambrone, Valeria Golino, Giancarlo Leone, Luigi Lonigro, Mario Lorini, Francesco Ranieri Martinotti, Francesco Rutelli.

di Daniela Faggion

Astri Nascenti del cinema italiano premiati con il David di Donatello - OsloMetX

Guarda anche:

SINALUNGA_VEDUTADELCENTRO_LIB_ALESSIOGRAZI

Turismo: piccolo è bello, lo certifica la Bandiera Arancione del TCI

Il Touring Club Italiano ha assegnato durante la Borsa Internazionale del Turismo (BIT), le 281 Bandiere Arancioni del triennio 2024-2026, confermandone 277 sottoposte alla verifica triennale e...
Filming Italy Los Angeles Festival - immagine dal sito ufficiale

Nona edizione di Filming Italy – Los Angeles dal 26 al 29 febbraio

Lifetime Achievement Award a Franco Nero, premio Best Director a Matteo Garrone, che è candidato agli imminenti Oscar Al via la nona edizione di Filming Italy - Los Angeles, il festival che vuole...
Sanremo_vincitori

Festival di Sanremo: sono solo canzonette (?)

A giudicare dai dati diffusi da una ricerca di EY la risposta parrebbe essere no e anche se lo fossero, l’impatto economico è assai elevato: 205 milioni di euro, di cui 77 di valore aggiunto...