Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

26 Marzo 2023 | Attualità

Un passione tutta italiana in mostra a Copenaghen

È un’invenzione tutta italiana, non c’è casa della penisola che non ne contenga una: si stratta della caffettiera. Oggetto di design simbolo del Made in Italy ha avuto molte evoluzioni, mantenendo sempre la sua specificità di utilità quotidiana nella vita delle persone ed espatriando è riuscita ad affermarsi anche all’estero. Oggetto tanto unico nelle sue sfaccettature che per la prima volta la passione italiana dell’espresso è al centro di un’esposizione che spiega come si sono evoluti nel tempo il design e la tecnologia del mondo del caffè.

45 oggetti fra macchine per uso domestico e da bar, set e tazzine da caffè sono in mostra a “Passione italiana: l’arte dell’espresso” all’Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen fino al 21 Aprile in occasione dell’Italian Design Day, indetto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

Si tratta di pezzi storici, alcuni introvabili ed esemplari unici selezionati perché rappresentano i cambiamenti nel tempo della produzione e del consumo, e permettono di comprendere quanto sia accresciuta nell’immaginario collettivo la rilevanza sociale di un gesto che oggi il mondo lega inscindibilmente al lifestyle e ai riti del nostro quotidiano. Abbiamo intervistato la curatrice della mostra Elisabetta Pisu.

Come è nata l’idea di questa mostra?

Intorno alla caffettiera si sono espressi noti designer e architetti. Da questi presupposti è nata l’idea di sviluppare una mostra che potesse raccontare il valore dell’espresso attraverso le macchine da bar, le caffettiere, le macchine domestiche, i servizi da caffè progettati da grandi designer e architetti.

Queste caffettiere rappresentano stili e trend del momento storico e sociale in cui sono state progettate?

Sì, assolutamente, un processo dovuto alla ricerca tecnologica ed estetica che ha cambiato stili e abitudini: dalle macchine da bar sempre più sofisticate alla Moka Bialetti, che compie 90 anni, alle macchine domestiche a cialde, ognuna di esse ha rivoluzionato la preparazione della bevanda sia al bar che a casa, permettendo di realizzare un caffè di alta qualità organolettica, “l’espresso”.

Photo credit Gaia Micatovich

Cosa vedono le persone che vengono a visitare la mostra?

La mostra è un viaggio nel tempo. Il pubblico potrà ammirare alcune macchine da bar iconiche, come: l’Eterna Pavia del 1925; la Brillante de La Cimbali del 1952; il modello America della Gaggia del 1958; la E-61 della Faema del 1961. Seguono successivamente le caffettiere del design italiano da Aldo Rossi a Ettore Sottsass, Cini Boeri, Angelo Mangiarotti. Si continua con una selezione di tazzine della illy Art Collection realizzate da noti artisti, come Michelangelo Pistoletto e Ai Weiwei e completano l’esposizione i servizi di Alessi Tea & Coffee Piazza di Aldo Rossi e Tea & Coffee Towers di Massimiliano Fuksas e Doriana Mandrelli, progettati entrambi sotto la direzione di Alessandro Mendini

Photo credit Gaia Micatovich

Cosa l’ha colpita nel lavorare a questa mostra?

L’aspetto che mi ha colpito di questa ricerca è stato l’inarrestabile progettualità intorno alle macchine da caffè in questo ultimo secolo.  Un’evoluzione che ha permesso a questa bevanda di diventare un simbolo dello stile italiano nel mondo. La meraviglia è nel constatare come alcuni oggetti sono rimasti fedeli  al loro progetto originale, diventando delle vere e proprie icone. Una conferma del modo di fare design tipicamente italiano: tradizione, artigianalità, innovazione e produzione di qualità.

Photo credit Gaia Micatovich

di Sara Giudice

Guarda anche:

Movie Icons Mole - courtesy of Ufficio Stampa

Al Museo del cinema di Torino 120 memorabilia di Hollywood

Con Movie Icons, fino al 13 gennaio 2025, alla Mole Antonelliana esposti alcuni oggetti di scena originali come la piuma di Forrest Gump, la bacchetta di Harry Potter, il casco degli Stormtrooper e...

Dal 2026 in Italia ci sarà la “Capitale italiana dell’arte contemporanea”

L’iniziativa nasce nell’ottica di valorizzare realtà territoriali decentralizzate attraverso l’arte contemporanea. C’è tempo fino al 30 giugno 2024 per presentare i progetti e le candidature. Nel...
Benigni e Troisi - ufficio stampa BFF

Non ci resta che piangere 40 anni dopo

Il mitico film con Benigni e Troisi viene celebrato al Bardolino Film Festival, che ha in giuria l'attrice protagonista Iris Peynado "Non ci resta che piangere" è uno di quei film che "più italiani...