Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

25 Giugno 2014 | Economia

Un secondo di web racchiude un mondo

Uni istante in rete equivale a uno scambio di capitali quasi inimmaginabile per i non addetti ai lavori . Secondo l’analisi effettuata da PennyStocks, Twitter perde 20 dollari al secondo, ad esempio, mentre Apple ne guadagna 1.174, più o meno la metà del totale dei profitti dell’intero gruppo di colossi internet nello stesso lasso di tempo:  2.363 dollari .  Il sistema web, almeno per quanto riguarda i suoi marchi più celebri, incassa quasi 11mila dollari al secondo ( Apple si ferma a quota 5.419), frutto di tutte le interazioni degli utenti, della pubblicità veicolata e delle applicazioni attivate. Google , in questo, è un caso emblematico: il motore di ricerca collezione oltre 4mila interrogazioni al secondo, mentre su YouTube vengono visualizzate 2.314 ore di video e su Plus vengono selezionati 5.787 contenuti. Nello stesso istante, da Gmail vengono spedite oltre 3,4 milioni di e-mail. Impossibile scordarsi di Android, con le sue 1.236 applicazioni scaricate. Eppure, BigG guadagna ‘solo’ 409 dollari al secondo. Un ecosistema così variegato costa molto e frutta meno di una più chiuso e indirizzato all’utilizzo dell’hardware, come quello di Apple, che ogni secondo vede scaricare 634 app dal suo store e nonostante l’assenza di social e piattaforme web vere e proprie, triplica i profitti rispetto alla compagnia rivale. C’è anche chi sta peggio, in questa corsa dai numeri folli: Microsoft , ad esempio, compare nelle statistiche solo grazie a Skype. Il servizio VoIp e di messaggistica frutta 23.148 minuti di conversazione al secondo. La società, grazie comunque a Windows e Office, guadagna 693 dollari ogni battito di ciglia. Facebook , invece, si deve accontentare di 48 dollari al secondo, ovvero quanto vale la pubblicità sulle sue pagine, unica vera fonte di profitto del social network. Una miseria, considerati gli oltre 52mila like e i quasi 55mila post, senza contare i quasi 220mila messaggi inviati via WhatsApp. Quel che traspare da questa insolita classifica è la non corrispondenza tra volume di traffico, di attività, e guadagni. I moltissimi click di Facebook e l’enorme mole di dati che passa da Google valgono meno di pochi oculati investimenti raccolti da Apple. La discrepanza è ancora più chiara se si osservano altre aziende leader della rete. Netflix accumula 386 ore di video vagliati al secondo, per un profitto di 4 dollari. Amazon totalizza 2.359 dollari spesi ogni istante dai suoi clienti, ma non va oltre i 9 dollari di utile. Dropbox , infine, archivia 11.574 documenti nello stesso lasso di tempo, ma questi valgono non più di 4 dollari. L’industria internet vale meno di quanto produce. O, forse, quel che produce è più inconsistente di quanto sembri. Anche se riempie ormai le nostre vite e anche se milioni di società nel mondo vorrebbero emularne le strategie e anche i (non così miseri) profitti.

Guarda anche:

Ue, primo sì al Prosek. Italia unita nella protesta

La Commissione Europea dà il via libera la domanda della Croazia per il riconoscimento di indicazione geografica protetta del vino croato. Forti contestazioni da più parti in difesa del Prosecco...
spaghetti

Il Made in Italy vola in tavola all’estero, ma il miele soffre

L’Italia raggiunge l’autosufficienza alimentare con un export a +12% che supera le importazioni, secondo dati Coldiretti presentati a Cibus 2021. Meno bene la produzione di miele in calo del 25%.  ...
Cibus_2021

Cibus: tutte le novità del settore agroalimentare Made in Italy

A Parma dal 31 agosto al 3 settembre va in scena Cibus, il Salone dell’Alimentazione: una manifestazione che consente di scoprire i nuovi cibi italiani. La XX° edizione di Cibus, organizzata da...