Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

25 Giugno 2014 | Economia

Un secondo di web racchiude un mondo

Uni istante in rete equivale a uno scambio di capitali quasi inimmaginabile per i non addetti ai lavori . Secondo l’analisi effettuata da PennyStocks, Twitter perde 20 dollari al secondo, ad esempio, mentre Apple ne guadagna 1.174, più o meno la metà del totale dei profitti dell’intero gruppo di colossi internet nello stesso lasso di tempo:  2.363 dollari .  Il sistema web, almeno per quanto riguarda i suoi marchi più celebri, incassa quasi 11mila dollari al secondo ( Apple si ferma a quota 5.419), frutto di tutte le interazioni degli utenti, della pubblicità veicolata e delle applicazioni attivate. Google , in questo, è un caso emblematico: il motore di ricerca collezione oltre 4mila interrogazioni al secondo, mentre su YouTube vengono visualizzate 2.314 ore di video e su Plus vengono selezionati 5.787 contenuti. Nello stesso istante, da Gmail vengono spedite oltre 3,4 milioni di e-mail. Impossibile scordarsi di Android, con le sue 1.236 applicazioni scaricate. Eppure, BigG guadagna ‘solo’ 409 dollari al secondo. Un ecosistema così variegato costa molto e frutta meno di una più chiuso e indirizzato all’utilizzo dell’hardware, come quello di Apple, che ogni secondo vede scaricare 634 app dal suo store e nonostante l’assenza di social e piattaforme web vere e proprie, triplica i profitti rispetto alla compagnia rivale. C’è anche chi sta peggio, in questa corsa dai numeri folli: Microsoft , ad esempio, compare nelle statistiche solo grazie a Skype. Il servizio VoIp e di messaggistica frutta 23.148 minuti di conversazione al secondo. La società, grazie comunque a Windows e Office, guadagna 693 dollari ogni battito di ciglia. Facebook , invece, si deve accontentare di 48 dollari al secondo, ovvero quanto vale la pubblicità sulle sue pagine, unica vera fonte di profitto del social network. Una miseria, considerati gli oltre 52mila like e i quasi 55mila post, senza contare i quasi 220mila messaggi inviati via WhatsApp. Quel che traspare da questa insolita classifica è la non corrispondenza tra volume di traffico, di attività, e guadagni. I moltissimi click di Facebook e l’enorme mole di dati che passa da Google valgono meno di pochi oculati investimenti raccolti da Apple. La discrepanza è ancora più chiara se si osservano altre aziende leader della rete. Netflix accumula 386 ore di video vagliati al secondo, per un profitto di 4 dollari. Amazon totalizza 2.359 dollari spesi ogni istante dai suoi clienti, ma non va oltre i 9 dollari di utile. Dropbox , infine, archivia 11.574 documenti nello stesso lasso di tempo, ma questi valgono non più di 4 dollari. L’industria internet vale meno di quanto produce. O, forse, quel che produce è più inconsistente di quanto sembri. Anche se riempie ormai le nostre vite e anche se milioni di società nel mondo vorrebbero emularne le strategie e anche i (non così miseri) profitti.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...