Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

8 Giugno 2021 | Attualità

Un tram che si chiama Carla Fracci

Sarà in servizio a Milano per ricordare l’étoile della Scala e suo padre, tranviere che la salutava scampanellando ogni volta che passava davanti al teatro.

La ballerina italiana più famosa al mondo si è spenta all’età di 84 anni. Simbolo di Milano, il New York Times la definì “prima ballerina assoluta”, lascia la sua eleganza e la sua dedizione come modello d’ispirazione per generazioni di giovani non solo nel mondo della danza.

Nata nel 1936 nel capoluogo lombardo da una famiglia di umili origini, la madre operaia della Innocenti e il padre Luigi tranviere, che per anni ha guidato la linea numero 1 proprio davanti al Teatro. In una delle ultime interviste la Fracci racconta come era solito suonare 3 volte il campanello, quando passava per salutarla. Il Comune ha già allestito un tram speciale bianco con il suo nome che percorrerà la stessa linea del padre.

Carla Fracci aveva studiato alla scuola di ballo della Scala dove diventa prima ballerina. Un talento naturale e una disciplina ferrea sono state alla base degli insegnamenti della coreografa russa Vera Volkova.

La sua notorietà artistica rimane legata alle interpretazioni di Giulietta, Swanilda, Francesca da Rimini, e in particolare un’indimenticabile esibizione di ‘Giselle‘ da cui nel 1969 venne realizzato un film.

Con lei hanno danzato tutti i più grandi ballerini internazionali, da Rudolf Nureyev, Vladimir Vasiliev, Henning Kronstam, Mikhail Baryshnikov a Roberto Bolle.

Tra le varie onorificenze che le sono state assegnate nel corso della sua prestigiosa carriera anche  quella che mostra di più il suo legame con Milano: l’Ambrogino d’oro assegnatole nel 1972.

 

__

 

di Debora Borsetto

tram_Carla_Fracci

Guarda anche:

Ruffini: ricorso per la multa a Che tempo che fa

“Di due cose sono sicuro. La prima è che Che tempo che fa è un programma di cui andare orgogliosi… La seconda cosa di cui sono sicuro, per quanto riguarda il merito della decisione dell’Agcom, è che la Rai, ritenendola totalmente infondata, farà ricorso al Tar”. Questa la dichiarazione del direttore di Raitre Paolo Ruffini, che non intende dunque accettare la multa di 10mila euro assegnata dall’Agcom con l’accusa di violazione dei diritti fondamentali della persona.

[Flash] Google raffredda i server nel Mar Baltico

La natura in aiuto della tecnologia. Per raffreddare il suo nuovo data-center finlandese, con sede a Hamina, Google utilizzerà le gelide acque del Mar Baltico.

[Flash] Viva la libertà vince premio in Germania

E’ Viva la libertà di Roberto Andò il film vincitore della 16° edizione di Cinema! Italia!, la rassegna organizzata dall’associazione Made in Italy e il supporto dell’Ambasciata d’Italia e degli Istituti italiani di cultura in Germania, svoltasi in ventisette città tedesche. Ma il premio più importante per il film di Robertò Andò è la sua uscita commerciale in Germania. Infatti, proprio in virtù del gradimento ottenuto, la casa di distribuzione Arsenal Film ha acquistato i diritti di distribuzione di Viva la libertà per il mercato tedesco.