Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

23 Maggio 2014 | Economia

Un vaccino (antivirus) per le smart tv

Anche le televisioni, nell’era dei dispositivi iper-connessi, diventano obiettivo per i pirati informatici . Secondo Kapersky Lab, azienda specializzata nelle soluzioni di sicurezza informatica, “è solo questione di tempo”, prima che gli hacker scoprano le potenzialità degli attacchi a una tecnologia che li porterà direttamente nelle case degli utenti. “Abbiamo già un prototipo di antivirus per tv, così saremo pronti ad affrontare il problema quando un nuovo malware per televisori sarà reso pubblico dai criminali informatici” , dicono da Kapersky. Al di là di ogni allarmismo, la situazione del settore si sta facendo complicata: le smart tv, connesse a internet e ai servizi di rete tramite app (con cui è possibile anche acquistare film, programmi e giochi), sono sempre più diffuse e quasi mai dotate di sistemi di sicurezza. Il bottino è ghiotto : 23 milioni di schermi entro il 2015, con molti dati personali senza protezioni e utenti poco inclini a vedere nel loro televisore nuovo di zecca un passpartout per gli hacker di domani.

Guarda anche:

Venduto l’ex scalo ferroviario di Porta Romana a Milano, ospiterà il Villaggio Olimpico

L’ex scalo ferroviario milanese di Porta Romana è stato venduto per 180 milioni di euro da FS Sistemi Urbani, società capofila del Polo Urbano del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane. A comprarlo...

Natale al buio

Da nord a sud in Italia la magia del Natale è a rischio. I sindaci delle grandi metropoli e dei piccoli borghi sono alle prese con “l’operazione luminarie”. Per far quadrare i conti, contrastare il...

Firenze vera capitale mondiale per il restauro, la ricerca, l’innovazione e l’alta formazione

Durante il convegno ‘E-RIHS nella sua futura sede: patrimonio culturale, ricerca e rigenerazione urbana’, svoltosi presso Manifattura Tabacchi martedì 11 ottobre, è stato illustrato il progetto per la ri-funzionalizzazione degli spazi che ospiteranno la sede di E-RIHS, frutto dell’accordo tra CNR e Fondazione CR Firenze. Ricercatori, studiosi, professionisti avranno accesso aperto ed integrato alle tecnologie più all’avanguardia per la conoscenza e la conservazione del patrimonio culturale grazie alla ‘European Research Infrastructure for Heritage Science (E-RIHS)’, coordinata dal CNR.