Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

16 Luglio 2021 | Ambiente

Una foresta di pioppi per la bonifica della Terra dei Fuochi

Dall’Università Federico II di Napoli un progetto “verde” per bonificare la Terra dei Fuochi in Campania e farne un simbolo di speranza e legalità con la piantumazione di 20.000 pioppi.

Il progetto ecosostenibile

Nella Terra dei Fuochi, una vasta area del territorio Campano compresa tra Napoli e Caserta, sono stati piantumati 20.000 pioppi, le cui radici assorbono i metalli pesanti e inquinanti presenti nel sottosuolo. Il progetto, che ora è diventato una vera e propria foresta, è stato realizzato dai ricercatori della Università Federico II di Napoli ed è stato attuato utilizzando la tecnica del Fitorisanamento: una tecnologia di bonifica naturale dei suoli.La piantumazione di alcune piante è in grado infatti di fitoestrarre metalli pesanti e indurre la degradazione di composti organici in terreni contaminati. Un’iniziativa che è stata considerata anche vantaggiosa dal punto di vista economico: infatti la piantumazione ha un costo di 800.000 euro contro i 20 milioni necessari con l’attuazione di metodi tradizionali.
Questo sito ora è un bosco – dice Massimo Fagnano, Docente di agronomia all’Università Federico II di Napoli -, è un centro di recupero della biodiversità, di servizi eco-sistemici, di purificazione dell’aria, di accumulo di carbonio nel suolo. È diventato un sito naturale“.

Breve storia della Terra dei Fuochi

La terra dei fuochi è un’espressione che nasce intorno agli anni 2000 e indica una vasta area della Regione Campania tra la provincia di Napoli e quella di Caserta. In questa zona sono stati interrati rifiuti tossici e rifiuti speciali, in aggiunta alla presenza massiccia di discariche abusive disseminate in tutto il territorio. Molto spesso questi rifiuti venivano incendiati diffondendo diossina e altri gas inquinanti nell’atmosfera. I primi sospetti sull’illegalità dell’interramento di rifiuti inquinanti sono stati messi in evidenza già nella prima metà degli anni novanta, ma sarà a partire dagli anni duemila che verrà dato seguito alle indagini e verranno identificati i responsabili spesso legati alla camorra e alla malavita. Una commistione di criminalità organizzata e istituzioni negligenti. Inoltre sempre a partire dagli anni 2000 è iniziato un processo di riqualifica e bonifica del territorio. La diffusione di sostanze nocive nel sottosuolo è stata correlata a un incremento significativo per la popolazione locale di specifiche patologie e un aumento di mortalità per leucemie e altri tumori. La Federico II di Napoli dal 2016 porta avanti uno studio insieme ad altri atenei italiani e centri di ricerca per accertare la correlazione tra la presenza di queste sostanze tossiche e la salute umana e animale.

Il valore sociale del progetto

La riqualifica della Terra dei Fuochi attraverso la coltivazione dei pioppi non è solo stata un’opera di bonifica significativa e importante per tutto il territorio, ma ha avuto anche un valore sociale ed educativo per i giovani che vivono in queste zone. Infatti il bosco è stato visitato dal 2016 da circa 10.000 studenti delle scuole locali. L’educazione ambientale in questo caso diventa un progetto concreto dove i ragazzi possono toccare con mano i benefici che l’ambiente può portare all’uomo e come l’uomo può avere cura dell’ambiente per il bene di tutti. Inoltre ha un forte valore educativo: la dove la criminalità organizzata ha distrutto, un’ opera come questa risana ciò che è stato rovinato. Un segno virtuoso di ricostruzione.
di Sara Giudice
Pioppi

Guarda anche:

Sardegna in fiamme, pericoli per i turisti, aiuti dall’Europa

La situazione degli incendi in Sardegna, i pericoli per i turisti, le zone in cui non andare fino alla fine dell’emergenza

https://www.telepress.news/wp-content/uploads/2021/07/biciclette-sui-navigli-2048x1365-1.jpghttps://www.telepress.news/wp-content/uploads/2021/07/biciclette-sui-navigli-2048x1365-1.jpg

Sventolano 59 nuove bandiere gialle della ciclabilità in Italia

Nove i comuni amici della bicicletta entrati nel network FIAB dei ComuniCiclabili 2021, tra cui spicca Milano. Sempre più italiani scelgono di pedalare in città, guidando un trend che riguarda tutta...
Venezia

Venezia: capitale mondiale della sostenibilità

E’ stato firmato un accordo preliminare alla presenza dei ministri dell'Economia e delle Finanze, Daniele Franco, e della Pubblica amministrazione Renato Brunetta, nella giornata della Conferenza...