Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

6 Febbraio 2008 | Attualità

Vanity Fair solidale con lo sciopero

Quest’anno non si terrà il tradizionale party che il magazine “Vanity Fair” ha organizzato per 14 stagioni dopo la serata degli Oscar. “Dopo averci pensato a lungo, e a sostegno degli sceneggiatori e di tutti quelli che sono coinvolti da questo sciopero”, hanno spiegato i responsabili della rivista con un comunicato, “abbiamo deciso che quest’anno non è appropriato organizzare i nostro party annuale in onore degli Oscar. Vogliamo congratularci con tutti i candidati di quest’anno e speriamo di ospitare il nostro 15° party per gli Oscar l’anno prossimo”.  La decisione è arrivata nonostante proprio in questi giorni sembri profilarsi un accordo tra produttori e sceneggiatori che metterebbe fine allo sciopero. “Anche se lo sciopero potrebbe concludersi, questo non significa necessariamente che le cose torneranno immediatamente alla normalità. Sono stati mesi difficili per molte persone e non ci sembra il momento giusto per organizzare una grande festa”.  Ancora non è certo, in ogni caso, se la cerimonia di consegna degli Oscar, prevista per il 24 febbraio, si terrà secondo le modalità degli anni scorsi.

Guarda anche:

Donne e over 65 i bevitori italiani di vino nell’analisi post pandemia

Uno studio dell’agenzia Wine Intelligence traccia il profilo post pandemia del consumatore italiano del vino.  La pandemia ha modificato il profilo del consumatore italiano di vino che è sempre più...

Approvato il Super Green Pass, nuove regole dal 6 dicembre

Obbligo vaccinale e terza dose, estensione dell'obbligo del vaccino a nuove categorie, istituzione del Super Green pass a partire dal 6 dicembre e rafforzamento dei controlli e campagne promozionali...

Il fondo statunitense KKR presenta un’offerta per TIM sul 100% delle azioni

Il fondo statunitense KKR ha presentato un’offerta per acquisire il 100% delle azioni di Tim. Il socio di maggioranza dell’azienda di telecomunicazioni è Vivendi, società francese guidata da Vincent...