Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

10 Settembre 2009 | Attualità

Venezia66: ultimi fuochi italiani

Tra ieri e oggi si esaurisce l’esperienza del cinema italiano all’edizione numero 66 del Festival di Venezia. E’ di questa mattina la proiezione de ‘La doppia ora’, pellicola di Giuseppe Capotondi interpretata da Filippo Timi e Ksenia Rappoport. Il quarto e ultimo film nostrano presentato alla Mostra è un noir che racconta del particolare incontro tra Sonia, cameriera in un grande albergo, e Guido, guardiano. Conosciutisi a uno speed date, i due trovano subito un’alchimia che sembra perfetta e prosegue anche dopo la morte dell’uomo, dovuta a una rapina. Molto buono il riscontro il sala , con convinti applausi d’approvazione.  Le atmosfere avvolgenti della pellicola di Capotondi si discostano decisamente da quelle dell’opera di Michele Placido, protagonista della giornata di ieri. ‘Il grande sogno’ è una storia fortemente autobiografica sulle atmosfere e le piccole contraddizioni del ‘68 vissuto a Roma, tra movimento studentesco e slanci individualisti, storie d’amore e drammi personali. La fredda ricezione di pubblico e critica , con fischi e commenti ironici seguiti alla riaccensione delle luci in sala, non ha demoralizzato oltre modo Placido: “Spero che ai ragazzi di oggi arrivi qualcosa della mia energia, niente di più. Io ho raccontato la mia storia attraverso il personaggio di Nicola, un ragazzo venuto dal Sud, da un piccolo paese, che si trova catapultato in questo mondo e cambia la sua vita”. Il regista spiega poi il fine ultimo, e personale, de ‘Il grande sogno’, allontanando qualsiasi pretesa ‘politica’ “ Non c’è niente di ideologico in quest’opera, è la mia storia personale di quegli anni, quasi un diario privato” d ice, e allo stesso tempo rinvia al mittente le accuse di ‘cerchiobottismo artistico’ a una giornalista straniera che gli chiedeva conto della produzione Medusa (gruppo Mediaset): “Berlusconi non so chi è e neanche lo voto, voto da tutt’altra parte. Ma voi mi dovete dire con chi devo fare i miei film: li ho fatti con la Rai e mi avete contestato, ora con Medusa e protestate” .

Guarda anche:

Bergamo Porta Sud, progetto di respiro internazionale

La riqualificazione della più grande area dismessa della città di Bergamo, una porzione di territorio di quasi 400mila metri quadrati, a due passi dal centro cittadino, è realtà. Il Gruppo Vitali ha...

A -30 gradi a bordo di una bici

L’ultracyclist italiano Omar Di Felice è partito il 29 novembre per la traversata dell'Antartide in sella a una bicicletta, in solitaria; cercherà di percorrere 1.200 km per raggiungere il Polo Sud,...
Giovanni Ferrero

Nutella batte la moda: Giovanni Ferrero & Family più ricco di Pinault secondo Bloomberg

È Giovanni Ferrero l’italiano più ricco, è quanto emerge dal Bloomberg Billionaires Index a fine novembre, la classifica dei 500 uomini più ricchi del mondo che Bloomberg aggiorna ogni giorno dopo...