Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

9 Dicembre 2010 | Attualità

WikiLeaks: arresti e boom mediatico

WikiLeaks è senza dubbio il fenomeno inter-mediatico di fine 2010. Il portale di controinformazione ha prima sbugiardato mezza diplomazia internazionale, poi chiamato in causa i governi mondiali, palesemente in imbarazzo, su questioni cruciali come i rapporti di forza in Medio Oriente e le politiche energetiche, e infine annunciato nuovi dossier sulle banche. L’allarme tra i potentati del globo è subito salito a livello massimo, e la pressione sul WikiLeaks ha portato alla cattura – a dire il vero una auto-consegna – del suo capo in pectore, Julian Assange, alle forze dell’ordine britanniche. Sul giornalista mentore di WikiLeaks pende un’accusa, secondo molti creata ad hoc, di stupro, nonché un mandato dell’Fbi per violazione di documenti secretati dallo Stato americano. I seguaci di Assange, però, non si arrendono al giro di vite della polizia internazionale: “ La trappola si è attivata, i poteri oscuri sono entrati in azione. Dopo quello che abbiamo visto finora, possiamo concludere che fa parte di un piano più grande” , ha detto uno degli avvocati del giornalista, mentre gli hacker di mezzo mondo preparano attacchi a sorpresa online per rivendicare il diritto all’informazione e alla libera espressione (totale) sul web. Il sito dell’Interpol è stato violato, quelli del circuito Mastercard e Visa negavano ieri i pagamenti con carta di credito, mentre sotto scacco è finito anche il portale della procura svedese che accusa Assange di stupro. Potere della resistenza digitale. Gli internauti protestano per il blocco imposto dal sistema di pagamenti Paypal (statunitense) alle donazioni web al sito, per quel che si sa completamente autofinanziato dagli stessi utenti. “ Lo abbiamo fatto perché il Dipartimento di Stato ci aveva detto che quel che stavano facendo era illegale” , hanno dichiarato i dirigenti di Paypal , confermando così le pressioni Usa contro l’organizzazione di Assange. L’islandese DataCell, che permette a Wikileaks di ricevere donazioni, ha invece denunciato Visa per aver sospeso i suoi versamenti al sito. L’informazione online è davvero sulla bocca di tutti.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.