Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

2 Dicembre 2010 | Attualità

WikiLeaks sfrattato da Amazon

Pressioni governative e documenti scottanti, forse troppo. Queste le ragioni che hanno spinto Amazon , che in un primo momento aveva ospitato sui propri server WikiLeaks e i suoi materiali, a staccare la spina alle macchine prestate al portale di (contro)informazione. La comunità virtuale di Julian Assange, che aveva subito attacchi pirata nei giorni scorsi, aveva trovato asilo dal re dei portale e-commerce, che infine ha però optato per le ragioni della ‘sicurezza nazionale’. Per la gioia del governo statunitense che, per voce di Hillary Clinton, ha definito criminale l’attività di WikiLeaks.

Guarda anche:

L’Italia è al secondo posto nei “best workplaces in Europa’

Nello studio di Great Place to Work le 150 migliori aziende europee per cui i dipendenti sono più felici di lavorare il’Italia è al secondo posto, a pari merito con la Francia, e dietro solo alla...

Musica e balletto occupano Milano grazie alla Scala

La Scala in Città, l’iniziativa realizzata dal Teatro alla Scala di Milano in collaborazione con la Filarmonica della Scala e l’Accademia Teatro alla Scala, ritorna con la 2a edizione dal 27...

Il lume della scienza si accende sulla Notte dei Ricercatori

Venerdì 30 settembre un ricco programma di iniziative si svolge in Italia e in tutto il mondo per avvicinare l’universo scientifico alle persone e alle scuole con eventi coinvolgenti e innovativi. I...