Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

13 Giugno 2014 | Economia

Wind ko, il tragico venerdì 13 dell’operatore tlc

Molti degli utenti Wind sul territorio nazionale (il 24,5% degli abbonati mobili italiani) per qualche ora, venerdì 13 giugno, non hanno potuto effettuare e ricevere chiamate, sms, o ad accedere alla rete internet gestita dall’operatore . Il servizio è in pratica saltato, con grandi disagi anche per i telefoni fissi e le connessioni casalinghe. Tutto fermo e clienti imbufaliti, di fatto isolati dal resto dei loro contatti . Il problema riguarda non solo i privati, ma anche le aziende che si appoggiano a Wind per i loro servizi telefonici e di rete, per gli account di posta elettronica su Libero nonché per la gestione in hosting dei propri siti internet. Tra questi, il più celebre è il blog di Beppe Grillo, irraggiungibile a cavallo dell’ora di pranzo. Il web è stato, come spesso accade in questi casi, la grancassa per il passaparola degli utenti lasciati a spasso dall’operatore.  Blog, siti d’informazione e social network si sono riempiti di compenti prima straniati e poi arrabbiati degli affiliati Wind : su Twitter l’hashtag #infostrada è balzato tra i trend topic di giornata in pochi minuti, mentre la società provava a rintuzzare le critiche feroci e a spiegare, in maniera un po’ approssimativa, l’accaduto: “Abbiamo difficoltà generalizzate sulla rete: i nostri tecnici sono al lavoro. Comprendiamo e ci scusiamo per il grosso disagio” , si legge all’indirizzo @Winditalia, pagina Twitter della compagnia. In un dispaccio successivo si notifica di verifiche in corso per “anomalie nella trasmissione dei dati” che, tuttavia, sarebbero  “in via di risoluzione” . Alle 15.40, le disfunzioni sono state eliminate. Oltre agli utenti, anche la politica ha reagito immediatamente al disservizio, chiedendo (per parte Pd) l’intervento di Agcom e Antitrust per risolvere e indagare il blackout. Tutto tace, per il momento, ma, prima delle sanzioni, è probabile che siano gli abbonati a fuggire altrove .

Guarda anche:

Turismo: i numeri delle vacanze estive

Il 2022 registra un +35% di presenze rispetto al 2021. 9 italiani su 10 trascorreranno le ferie estive in Italia. Ci saranno più di 92 milioni di arrivi e quasi 343 milioni di presenze tra italiani...
rapporto

Rapporto benessere equo e sostenibile 2021: l’Italia post pandemia 

Il rapporto Bes 2021 'Il benessere equo e sostenibile in Italia’ diffuso dall'Istat fa una fotografia della società italiana nell'anno appena trascorso. Dall'aumento del lavoro da remoto, al numero...

Italiani tra gli europei meno propensi a rinunciare al contante

Italiani ancora dipendenti dal contante. Nonostante tutte le migliorie adottate nel campo del digitale e delle piattaforme. il Paese è tra i trenta peggiori per incidenza del contante sull’economia....