Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

9 Maggio 2007 | Economia

Wind vede un calo nel trimestre

Wind ha chiuso il primo trimestre del 2007 con un risultato netto di gruppo di 7 milioni di euro a fronte di un utile netto nel primo trimestre del 2006 di circa 15 milioni. La differenza è “sostanzialmente riconducibile agli effetti della fusione tra Wind Telecomunicazioni S.p.A. (“Wind) e Wind Acquisition Finance S.p.A. (“WAF”), completata nel dicembre 2006″ spiega una nota . Nel primo trimestre Wind ha registrato ricavi totali per 1.272 milioni, in crescita del 10,2% rispetto allo stesso periodo del 2006. I ricavi da servizi di telecomunicazioni nel trimestre sono cresciuti dell’8% circa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente trainati dai ricavi per servizi di telefonia mobile (818 milioni), in crescita del 12% rispetto allo stesso trimestre del 2006. I ricavi da telefonia fissa e internet nel primo trimestre 2006 sono stabili a 398 milioni. L’Ebitda nel primo trimestre 2007 è cresciuto del 11,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente a 428 milioni, grazie al positivo andamento dei ricavi e al controllo dei costi. Al 31 marzo 2007, Wind aveva un indebitamento finanziario netto complessivo pari a 6.891 milioni in diminuzione di 166 milioni rispetto ai 7.057 milioni registrati al 31 dicembre 2006.

Guarda anche:

Agricoltura 4.0, nel 2023 arriva la svolta

Più energia e meno impatto ambientale, grazie all’intelligenza artificiale in campo agricolo che il progetto europeo Symbiosyst – in cui sono coinvolti 18 partner tra cui per l’Italia l’Enea –...
Agrifood-tech

Agrifood-tech 2022, investiti in Italia 156 milioni

Dalle start up che si occupano di menù digitali a quelle che curano l’approvvigionamento, secondo TheFoodCons nel 2022 almeno 54 operazioni hanno voluto mantenere il Paese al passo con il panorama...

Chi farà il Made in Italy

Cna Federmoda lancia l'allarme: “Presto mancheranno lavoratori per la filiera produttiva del fashion italiano. Intanto lo storico istituto Secoli di Milano apre una nuova sede a Novara su richiesta...