Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

5 Marzo 2008 | Attualità

Agcom conferma il veto al faccia a faccia fra i candidati

L’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni ha varato il regolamento per l’applicazione della par condicio nelle tv private durante l’ultimo periodo della campagna elettorale, che va dal 10 marzo al voto, sostanzialmente recependo l’analogo documento approvato dalla commissione di Vigilanza Rai per la tv pubblica.  Di fatto, quindi, non sono previsti al momento faccia a faccia tra i candidati premier neanche sulle reti private, ma un confronto fra tutti i candidati della durata di un’ora e mezza , così come ha stabilito la vigilanza.  Quanto alla possibile disponibilità dei due leader principali Veltroni e Berlusconi, a confrontarsi, “bisogna vedere”, ha spiegato il presidente Agcom Corrado Calabrò, “se rientra nelle norme relative all’informazione e non in quelle sui confronti. Vedremo in progress come regolarci”.  L’autorità ha inoltre precisato che i conduttori di Tg e approfondimenti devono “intervistare tutti i soggetti con la stessa efficacia senza sbilanciarsi partigianamente ” Inoltre i programmi di informazione “devono garantire presenza a tutti nel ciclo complessivo delle trasmissioni, dandone preventivamente notizia”

Guarda anche:

Donne e over 65 i bevitori italiani di vino nell’analisi post pandemia

Uno studio dell’agenzia Wine Intelligence traccia il profilo post pandemia del consumatore italiano del vino.  La pandemia ha modificato il profilo del consumatore italiano di vino che è sempre più...

Approvato il Super Green Pass, nuove regole dal 6 dicembre

Obbligo vaccinale e terza dose, estensione dell'obbligo del vaccino a nuove categorie, istituzione del Super Green pass a partire dal 6 dicembre e rafforzamento dei controlli e campagne promozionali...

Il fondo statunitense KKR presenta un’offerta per TIM sul 100% delle azioni

Il fondo statunitense KKR ha presentato un’offerta per acquisire il 100% delle azioni di Tim. Il socio di maggioranza dell’azienda di telecomunicazioni è Vivendi, società francese guidata da Vincent...