Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

2 Maggio 2007 | Innovazione

Cellulari: nessun accordo dell’Ue sul roaming

Le istituzioni dell’Unione europea non sono riuscite a raggiungere un accordo sulle procedure per regolare i costi per i servizi di roaming internazionale nella telefonia mobile. Lo ha detto l’austriaco Paul Ruebig, membro del Parlamento europeo vicino alla vicenda. Il voto al Parlamento sulla regolamentazione dei costi per effettuare e ricevere telefonate all’estero, previsto per la prossima settimana, rischia adesso di slittare a quella del 21 maggio. Già settimana scorsa i ministri Ue della competitività – riuniti a Wuerzburg, in Germania – non hanno trovato il compromesso che dovrebbe dare il via libera a un taglio delle chiamate effettuate col cellulare da chi viaggia all’estero. “Mi sembra che i 27 governi europei non riusciranno trovare rapidamente un accordo su una tariffa comune ridotta come chiesto dal Parlamento europeo”, ha detto al termine della riunione il presidente di turno del consiglio, il tedesco Michael Glos. Ricordiamo che la proposta di Bruxelles del commissario Ue alle Tlc, Viviane Reding prevede una riduzione del 70% delle tariffe di roaming e nelle intenzioni della Commissione dovrebbe diventare operativa già dal prossimo mese di luglio. Al momento di lavora sulla base di un testo di compromesso elaborato dalla presidenza di turno tedesca, che prevede un prezzo tra i 30 e i 60 centesimi al minuto, contro le attuali tariffe che possono arrivare fino a tre euro al minuto.   

Guarda anche:

Tecnologie dell’idrogeno, Italia ai primi posti per brevetti

L'Italia è fra i primi posti in Europa nei brevetti per la transizione verso l'idrogeno, specie quello 'verde' da fonti non fossili.  Secondo lo studio congiunto condotto dall'Ufficio europeo dei...
Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino grazie al Pnrr

Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino da Torino a Palermo

Dai fondi del Pnrr arriva un finanziamento di 950 mila euro per prevenire la malattia che ha portato via Gianluca Vialli (e altre 12 mila persone ogni anno). Un vaccino 2.0 a Dna per la cura del...
Heal Italia, medicina di precisione

Medicina di precisione, è partito il progetto Heal Italia

Un partenariato di 12 università e 13 istituzioni pubbliche e private non partecipate dal MUR lavorerà per tre anni, con advisory board internazionali, per condividere dati e trovare cure sempre più...