Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

1 Marzo 2013 | Attualità

Clessidra torna in corsa per La7

Sembrava tutto fatto per il passaggio di La7 a Cairo Communication, ma nelle ultime ore Clessidra ha presentato una nuova offerta per la rete televisiva, che si estende a tutto il paccetto di Telecom Italia Media, comprendendo anche i multiplex digitali. Un rilancio di cui non si conoscono i dettagli economici, ma che certo ha fatto drizzare le antenne ai vertici Telecom , che nei prossimi giorni dovranno valutare seriamente la proposta del fondo d’investimenti e soppesarne vantaggi e opportunità, a dispetto dell’offerta di Urbano Cairo, sinora unico vero acquirente plausibile per La7. L’imprenditore piemontese, già concessionario pubblicitario unico per il canale tv, avrebbe dovuto chiudere l’affare mercoledì , ma il consiglio di amministrazione di Telecom Italia non ha dato il via libera alla firma definitiva. Potrebbe essere solo un rinvio burocratico e l’accordo potrebbe essere ufficializzato il 4 marzo, nel corso del prossimo cda. Oppure potrebbe essere il sintomo di un disagio da parte dell’operatore tlc, ancora alla ricerca della giusta offerta. Il particolari da definire sono pochi ma di fondamentale importanza . C’è la penale che Cairo reclama dal venditore nel caso in cui l’Agcom non confermasse il tasto 7 del telecomando: la richiesta è di 20 milioni. Ma ci sono anche le penali a carico dell’acquirente se non fossero rispettate alcue condizioni: il vincolo di lock-up (a non cedere cioè l’emittente) per almeno 18 mesi, i vincoli alla destinazione della dote che sarebbe corrisposta da T.I. Media in termini di aumento di capitale (95 milioni), oltre all’abbuono di 63 milioni di debiti infragruppo. La proposta di Clessidra scombussola i piani perché riguarda l’intero pacchetto, mentre Cairo vuole solo La7 e metà di Mtv . Resta da vedere se l’intromissione sia realmente migliorativa per Telecom, gli asset digitali (con tre multiplex) valgono non meno di 300 milioni di euro. Per recuperare un investimento così ingente, a Clessidra potrebbe unirsi in seconda Diego Della Valle, che porterebbe capitali freschi – ma solo dopo l’acquisto – ed entusiasmo. Il patron della Tod’s era già stato avvicinato a La7 nelle scorse settimane, in un turbinio di voci, offerte reali e presunte che presto saranno confermate o smentite. Intanto, La7 attende di conoscere il suo futuro.

Guarda anche:

Birra "Era Pane"

Era pane, ora è Birra. Il progetto di una famiglia italiana

Non è un semplice birra artigianale, ma molto di più. Si chiama "Erapane" del brand Cerchi nel Pane prodotta dal panificio Rizzato, una bottega storica di Lugo di Ravenna. Dentro a questa produzione...
Lucio Fontana_Ambiente spaziale a luce rossa

Retrospettiva su Lucio Fontana in Corea del Sud

Al Sorol Art Museum opere realizzate dall'artista spazialista tra il 1949 e la fine degli Anni Sessanta I celeberrimi buchi, tagli e non solo: per la prima volta le opere di Lucio Fontana arrivano...
SINALUNGA_VEDUTADELCENTRO_LIB_ALESSIOGRAZI

Turismo: piccolo è bello, lo certifica la Bandiera Arancione del TCI

Il Touring Club Italiano ha assegnato durante la Borsa Internazionale del Turismo (BIT), le 281 Bandiere Arancioni del triennio 2024-2026, confermandone 277 sottoposte alla verifica triennale e...