Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

15 Febbraio 2022 | NEWS VIDEO

Equilibri di genere, laureate e laureati a confronto

Il primo Rapporto tematico di genere, presentato dal Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, punta i riflettori sulle scelte, le esperienze e realizzazioni professionali dei laureati in Italia.

Le donne sono più intraprendenti e studiose degli uomini, ma questi ultimi sono i più pagati e occupano posizioni professionali di maggiore prestigio.

A sancirlo è la fotografia scattata dal Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea con il primo Rapporto tematico di genere Laureate e laureati: scelte, esperienze e realizzazioni professionali presentato all’Università di Bologna lo scorso 28 febbraio.

Il Direttore di AlmaLaurea, Marina Timoteo, illustra i numeri del rapporto ed evidenzia il coraggio e l’intraprendenza delle donne che costituiscono quasi il 60% dei laureati, con esperienze di studio migliori di quelle dei colleghi laureati (voto medio di diploma 82,5/100, mentre è 80,2/100 per gli uomini; il voto medio di laurea è, rispettivamente, pari a 103,9 e 102,1/110).

Eppure nonostante queste performance brillanti nello studio, di ogni ordine e grado, sono le più penalizzate.

Le laureate provengono da contesti familiari meno favoriti e sono interessate da una minore selezione basata sul background familiare. Infatti, giunge da una famiglia in cui almeno uno dei genitori ha la laurea il 28,3% delle laureate e il 34,3% dei laureati; laddove, poi, i genitori siano in possesso di una laurea, le donne seguono le loro orme con minore frequenza, contribuendo a far ripartire l’ascensore sociale.

Il mercato del lavoro non valorizza le donne: sono occupate meno e in professioni di più basso livello, con retribuzioni minori (-20% rispetto agli uomini). In presenza di figli il divario aumentaMa laurearsi conviene, perché con un livello di istruzione più elevato per le donne si riduce il divario occupazionale rispetto agli uomini, seppur tuttavia non si colma del tutto.

Un approfondimento del rapporto è dedicato ai percorsi Stem: per alcuni aspetti della carriera lavorativa essi appaiono attenuare le disuguaglianze fra laureate e laureati. Infatti, concentrando l’attenzione sulle retribuzioni, i differenziali di genere, pur sempre a favore degli uomini, risultano più contenuti tra i laureati Stem. Urge allora intervenire a livello politico, sociale e culturale per incentivare le donne a scegliere percorsi di studi scientifici. Cioè quelli che garantiscono un più facile e veloce ingresso nel mondo del lavoro, oltre che occupazioni più stabili e meglio retribuite.

Rapporto tematico di genere

Guarda anche:

Milano, al via domani la mostra Pop Air al Balloon Museum

Apre domani a Milano negli spazi del Superstudio in via Tortona 27 Balloon Museum con la mostra itinerante Pop Air. Siete pronti a tuffarvi tra nuvole di palloncini? E a passeggiare fra una tribù di...

“Un’opera molta attuale. Un cliché comune: piacere a tutti, ma non è possibile”  RaffaelloTonon alla prima della Scal

Nel foyer del teatro La Sca di Milano incontriamo alla Prima del 7 dicembre Raffaello Tonon, opinionista e conduttore radiofonico che commenta così l'opera Boris Godunov : “Come tutti gli anni cerco...

“La solitudine del potere, un messaggio universale” Alfonso Signorini, direttore  “Chi” alla Prima della Scala

Nel foyer del teatro meneghino incontriamo Alfonso Signorini, direttore della rivista settimanale Chi e conduttore del Grande Fratello VIP che commenta cosi l’opera capolavorodi Modest Musorgskij,...