Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

29 Luglio 2008 | Attualità

Hollywood ancora in lotta

Non c’è pace per la mecca del cinema. Il board direttivo dello Screen Actors Guild (Sag), il principale sindacato che rappresenta circa 120.000 di attori di cinema e tv statunitensi, sostiene la proposta di tutelare il lavoro sul web. Il sindacato avverte che le trattative sui contratti con gli studios di Hollywood potrebbero restare in stallo per settimane. Le trattative sono a un punto morto e i fiduciari del Screen Actors Guild (Sag) hanno chiesto che il lavoro diffuso su internet sia coperto da un contratto Sag. L’associazione ha votato a livello nazionale una risoluzione che riafferma tale richiesta, con 68 voti favorevoli e nessuno contrario. “Abbiamo detto alle produzioni quanto sia importante per il settore dei nuovi media sotto il nostro contratto, e quanto siano importanti le tariffe residue dei prodotti creati per la programmazione sui nuovi media quando questi vengono ritrasmessi”, ha detto in una nota il direttore esecutivo e capo intermediario nazionale di Sag Doug Allen.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.