Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

28 Novembre 2008 | Attualità

Hollywood: tra un ciack e l’altro si trama uno sciopero

Hollywood ricomincia a tremare. Dopo lo sciopero degli sceneggiatori, che ha paralizzato l’Olimpo del cinema per 100 giorni causando ingenti perdite economiche, sono gli attori a valutare la possibilità di incrociare le braccia. In testa alla rivolta pare ci siano i veterani Jack Nicholson, Warren Beatty e Meryl Streep, che un mese fa sono stati ascoltati dalla Sag (la Screen Actor Guid) proprio in merito all’eventuale sciopero degli attori. Quali sono le recriminazioni degli attori? E soprattutto, contro chi sventoleranno le bandiere in ‘piazza Hollywood”? Dunque, le discordie principali che vedono in campo attori versus produttori riguardano i compensi per i lavori che vengono usati più e più volte e i nuovi media, in particolare internet. Gli attori chiedono un trattamento migliore e un contratto uguale a  quello già stipulato con altri sindacati. La Sag rassicura comunque tutti dicendo che ascoltare gli attori è prassi generale, e in ogni caso ottenere l’autorizzazione per scioperare non significa automaticamente procedere con l’azione.

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.