Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

11 Giugno 2014 | Economia

Il bancomat Bitcoin alla conquista di Roma

Una scatola di un paio di metri d’altezza per una tonnellata di peso, posizionata al centro della Stazione Termini, sarà il primo distributore italiano di Bitcoin . La moneta virtuale arriverà nel nostro Paese il 26 giugno, con la posa del distributore automatico. Gli utenti potranno usare la macchina sia per vendere sia per comprare Bitcoin, tramite il proprio cellulare, a partire dal No cash day, giorno non a caso scelto per l’inaugurazione del sistema. Secondo una ricerca di Coinmap, la valuta in Italia è accettata da circa 200 esercenti commerciali ma sin qui lo Stivale è l’unico grande Stato europeo a non avere un bancomat apposito. Per utilizzare il dispositivo, installato e gestito da Robocoin Italia, sarà necessario registrarsi al servizio , inserendo un numero di cellulare e il codice che verrà inviato successivamente via sms dal software. Sono richieste anche una scansione palmare, la scansione del codice fiscale e della patente, oltre a una fotografia dell’utente. In pochi minuti, l’account sarà attivo. Il bancomat sarà collegato a Bitstamp, piattaforma digitale di compravendita dei Bitcoin.

Guarda anche:

SOS frantoi. Il paradosso italiano

Unaprol e Coldiretti hanno recentemente presentato l’esclusivo rapporto su “La guerra dell’olio Made in Italy” diffuso all’alba dell’attuale campagna olearia 2022/2023. Ad emergere è un’incognita...

Come vendere tulipani agli olandesi!

Vale 1 miliardo di euro l'export made in Italy di piante fiori e fronde. Nel dettaglio, si tratta di 1.146.762.653 euro, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (erano 937.756.550...

Tornano nei campi italiani miglio e avena grazie al progetto europeo “Re- Cereal”

La coltivazione di avena, miglio e grano saraceno sta nuovamente attirando l'interesse degli agricoltori delle regioni alpine di Austria e Italia. Una notizia a beneficio dei 233.000 ciliaci ad oggi...