Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

9 Novembre 2006 | Innovazione

IL MOBILE&WIRELESS BUSINESS SI FA SEMPRE PIù STRADA NELLE AZIENDE ITALIANE

Le tecnologie informatiche mobili sono sempre più utilizzate dalle aziende italiane che ne apprezzano l’utilizzo anche per esportare l’It Made in Italy. Lo sottolinea il secondo rapporto sul Mobile&Wireless Business promosso da AITech-Assinform, Assotel e dalla School of management del Politecnico di Milano. L’indagine fa luce sull’utilizzo e sugli atteggiamenti delle principali categorie di attori – dai top manager ai responsabili dell’informatica – confrontando oltre 250 imprese ed enti pubblici. Dal rapporto emerge che le tecnologie di M&W sono uno strumento innovativo per la gestione aziendale e i benefici sono tangibili in tempi brevi. A coglierne maggiormente le potenzialità sono i manager con responsabilità di business, mentre i responsabili dei sistemi informativi hanno evidenziato non poche criticità. Rispetto al primo rapporto, le aziende sostenitrici delle tecnologie informatiche mobili sono passate da 8 a 17 e questo dato fa ben sperare per una diffusione sempre più capillare.

Guarda anche:

Protocollo CONI MASE Sport - Alexas_Fotos

Protocollo CONI – Ministero Ambiente per uno sport italiano più ecologico

Secondo il presidente Malagò: ‘Il CIO è il primo a esserne orgoglioso’ . A disposizione del Comitato 1,7 milioni di euro Presentato il protocollo d’intesa tra CONI e MASE (Ministero dell'Ambiente e...
Dal sito Idra Italia Fiorenzo Dioni e Richard Oberle

A Fiorenzo Dioni il Premio europeo degli Inventori industriali

Insieme al tedesco Richard Oberle, l'italiano ha ideato una pressa che stampa scocche di auto elettriche in poco più di un minuto L’italiano Fiorenzo Dioni e il tedesco Richard Oberle si sono...
bologna-RitaMichelon

Il G7 Scienza e Tecnologia a Bologna

Presenti le delegazioni di  Canada, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, oltre agli studiosi italiani È presieduto dalla Ministra dell’Università e della Ricerca Anna Maria...