Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

3 Febbraio 2022 | Ambiente, Attualità

Italia prima al mondo nella lotta agli sprechi alimentari

Lo dichiara il nuovo Food Sustainability Index, arrivato alla sua quarta edizione. Sviluppato da The Economist Impact con Fondazione Barilla. I Paesi presi in esami sono 78. L’obiettivo del report è quello di fotografare lo stato attuale a livello di alimentazione, sprechi e produzione. L’Italia dunque si piazza al primo posto della classifica per quanto concerne gli sprechi alimentari domestici.

Food Sustainability Index: l’esempio virtuoso italiano

In Italia lo spreco alimentare pro capite annuo, a livello domestico, è di circa 67 Kg. Nella filiera produttiva perde “solo” il 2% del cibo. A dirlo è il Food Sustainability Index, uno studio portato avanti da The Economist Impact con Fondazione Barilla. La ricerca analizza il rapporto tra cibo, salute e ambiente in 78 Paesi. Prende in considerazione 38 indicatori legati a temi sociali, ambientali ed economici. Oltre all’Italia, i 4 Paesi con le migliori politiche in atto sono Francia, Stati Uniti, Germania e Argentina. Anche l’aspettativa di vita nel nostro Paese è piuttosto alta: alla nascita è 83,2 anni, mentre l’aspettativa, in salute, è di 71,9.

Lo spreco alimentare nel mondo

Lo spreco è un problema globale che colpisce i Paesi di tutto lo spettro di reddito, la perdita di cibo colpisce invece, in modo più importante, i Paesi a basso reddito. Sebbene lo spreco sia un problema globale, solo 22 tra i Paesi nel Fsi hanno un piano per combatterlo. Si legge nello studio: “Alti livelli di perdita di cibo sono più comuni nei paesi a basso reddito, dove le lacune infrastrutturali e l’accesso non uniforme all’elettricità rendono difficile conservare e trasportare il cibo in modo sicuro”. 

E l’agricoltura sostenibile?

Per quanto riguarda l’agricoltura sostenibile c’è ancora molto da migliorare ma vale per tutti i Paesi. Il punteggio dell’Italia qui è in linea con la media mondiale. In cima alla classifica ci sono Finlandia, Estonia, Austria, Tanzania e Svezia. A fare la differenza sono le iniziative politiche che affrontano le questioni chiave della gestione sostenibile. i Paesi che hanno ottenuto i migliori risultati un questo ambito sono quelli che hanno investito di più in ricerca e sviluppo. Interessante l’operato di Nigeria, Zimbabwe e Costa d’Avorio. Nonostante siano paesi a reddito medio-basso, stanno dando l’esempio su come integrare meglio l’azione per il clima nelle attività agricole.

di Alessandro Bonsi

Guarda anche:

La medicina può prevedere l’ansia con l’analisi della materia grigia

Secondo lo studio condotto dai ricercatori dell’università di Trento e  pubblicato sulla rivista Sensors la medicina può prevedere l’insorgere dei sintomi e dei disturbi dovuti all’ansia attraverso...

Italiani, navigatori, poeti, turisti e … ospitanti

L’Italia, con 72.869 ingressi, è la prima nazione nella classifica dei turisti esteri in Giordania nel 2022; la classifica redatta dal ministero del Turismo e delle antichità giordano vede al 2° e...
Creazione in MuSkin

MuSkin, come un fungo parassita diventa un abito sostenibile

Un progetto di tesi degli allievi di Modartech Pontedera riporta all’attenzione un brevetto eco di qualche tempo fa, oggi ancora più utile in ottica di una maggiore sostenibilità. Se è vero che le...