Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

11 Marzo 2022 | Attualità

La pizza è donna

Secondo un censimento di Cna-agroalimentare, Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa, l’Italia conta 8.800 pizzaiole in attività, un risultato che insidia il primato maschile nel settore pizza. 

Un bel traguardo per il piatto italiano che ha conquistato il mondo. L’Italia sforna ogni giorno 8 milioni di pizze, per un totale di quasi 3 miliardi in un anno e un giro d’affari di 15 miliardi.

Campionato mondiale della Pizza

Il trend è in crescita non solo in Italia e sarà ben rappresentato nella 29ª edizione del Campionato mondiale della Pizza 2022, che si svolgerà dal 5 al 7 aprile a Parma. L’evento vedrà sfidarsi in gare di cottura e di abilità pizzaioli e pizzaiole in arrivo da tutto il mondo.

Dal 1992, anno di nascita del Campionato, sono state 229 le concorrenti a partecipare alle competizioni. Tra le vincitrici del Campionato negli anni si sono fatte valere Laura Meyer nella gara pizza in teglia nel 2013,  Alessandra De Bellis per la pizza senza glutine nel 2012 e Katiuscia Di Marzo che ha gareggiato nella pizza a due con Ignazio Di Marzo nel 2011. Tra le prime concorrenti vincitrici del Campionato anche Rosa Casulli, oro nel 2008 con la sua pizza “Chilometro 0” dedicata alla sua terra, la Puglia.

 

di Serena Campione

pizza

Guarda anche:

Treno del Foliage, un viaggio tra i colori dell’autunno

Dal 15 ottobre al 6 novembre sarà possibile vivere un piacevole viaggio tra i colori dell’autunno lungo 52 km, da Domodossola a Locarno.  La tratta percorsa dal Treno del Foliage è stata inserita...

Le elezioni italiane viste dall’estero

La vittoria di Giorgia Meloni alla guida di Fratelli d’Italia è stata commentata dai principali quotidiani internazionali. La vittoria della coalizione di centro destra guidata da Fratelli d’Italia...

I robot amici dell’uomo. La ricerca è italiana

Sono robot collaborativi, nati per aiutare i chirurghi a “sentire” gli organi durante un’operazione anche a migliaia di chilometri di distanza, progettati per sollevare delicatamente anziani o malati allettati, per fare pulizie in casa, per lavorare nelle fabbriche, con compiti più rischiosi, riducendo le possibilità di infortuni.