Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

27 Giugno 2008 | Attualità

La Ue chiede all’Italia lumi sulle frequenze

I servizi della Concorrenza della Commissione europea  hanno inviato venti quesiti al governo italiano in cui chiedono di chiarire quale sia l’attuale distribuzione delle frequenze nel settore delle emittenti Tv in Italia. E’ un ulteriore passo nel contenzioso sulla legge Gasparri. La Ue chiede inoltre quale sarà la situazione dopo il passaggio al digitale terrestre e se sia sufficiente l’obbligo, per Rai e Mediaset, di lasciare libero il 40% della capacità trasmissiva ad altri operatori, per evitare che il duopolio Rai-Mediaset finora esistente nell’analogico si riproduca anche nel digitale terrestre. La Commissione affronta anche la questione Rete 4 . Chiede come e quando l’Italia porrà fine alla situazione anomala di una rete Tv (Rete4) che, sebbene priva della concessione, è stata autorizzata a continuare a a trasmettere. L’Antitrust vuole “informazioni sulle emittenti nazionali ‘legittimamente operanti ai sensi della normativa vigente’, e che non si sono classificate in posizione utile nella graduatoria, sancita con il d.m. 28 luglio 1999, da consentire l’attribuzione di una concessione per la radiodiffusione televisiva su frequenze terrestri in ambito nazionale. Oltre a identificare tali emittenti, si prega di fornire chiarimenti sul titolo normativo che consente loro di continuare le trasmissioni di radiodiffusione televisiva analogica”. Per la Ue, “qualora si dovesse ritenere che sia ancora in vigore l’autorizzazione a proseguire le trasmissioni in tecnica analogica per gli operatori che non sono titolari di una concessione analogica (ossia Rete4, ndr), si prega di indicare quali eventuali misure le autorità italiane intendono adottare per porre fine a tale autorizzazione “.

Guarda anche:

A Torino le navette viaggiano da sole

Il progetto pilota ha lo scopo di offrire, per la prima volta in una città italiana, un trasporto pubblico flessibile lungo un percorso sperimentale di circa 2 km. Il processo sarà ufficializzato...

Dart contro l’asteroide:  arrivano le immagini dal mini-satellite tutto made in Italy 

E’ la prima volta che il genere umano modifica lo stato orbitale di un corpo celeste. A fotografare questa unicità nella storia dello spazio è stato uno strumento realizzato da una squadra di...

l gran rifiuto dell’Italia

Da uno studio statistico pubblicato da Eurostat, dal 2004 al 2020 la quantità di rifiuti riciclati è aumentata in modo significativo: da 870 milioni di tonnellate nel 2004 ai 1.221 milioni di...