Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

12 Aprile 2007 | Innovazione

La Ue si pronuncia sulla nazionalizzazione tlc in Bolivia

Il portavoce del commissario Ue Vivane Reding, Marti Selmayr, ha affermato che la Commissione europea “segue con preoccupazione” la rinazionalizzazione della rete di telecomunicazioni della Bolivia, che ha imposto il passaggio in mano pubblica delle azioni di Telecom Italia.  Selmayr ha risposto all’interrogazione dell’eurodeputato Gianni Pittella, che ha chiesto alla Commissione di vigilare sul rispetto delle condizioni di mercato nella transazione. La rinazionalizzazione comporta “gravi rischi” per Telecom Italia che dovrà cedere le sue azioni a Entel Bolivia, come ha sottolineato Pittella chiedendo all’esecutivo europeo cosa fare per “assicurare alle imprese europee un clima affidabile e stabile per gli investimenti in Bolivia e per garantire che le negoziazioni avvengano nel rispetto delle condizioni di mercato”.  Il presidente boliviano Evo Morales (nella foto) aveva emanato un decreto che prevedeva una scadenza di trenta giorni per negoziare il ritorno di Entel in mani statali. 

Guarda anche:

Tecnologie dell’idrogeno, Italia ai primi posti per brevetti

L'Italia è fra i primi posti in Europa nei brevetti per la transizione verso l'idrogeno, specie quello 'verde' da fonti non fossili.  Secondo lo studio congiunto condotto dall'Ufficio europeo dei...
Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino grazie al Pnrr

Tumore al Pancreas, si lavora al vaccino da Torino a Palermo

Dai fondi del Pnrr arriva un finanziamento di 950 mila euro per prevenire la malattia che ha portato via Gianluca Vialli (e altre 12 mila persone ogni anno). Un vaccino 2.0 a Dna per la cura del...
Heal Italia, medicina di precisione

Medicina di precisione, è partito il progetto Heal Italia

Un partenariato di 12 università e 13 istituzioni pubbliche e private non partecipate dal MUR lavorerà per tre anni, con advisory board internazionali, per condividere dati e trovare cure sempre più...